Pisa, 30 novembre 2016 - Nell’anno internazionale dei legumi promosso a livello mondiale dalla Fao, il dipartimento di Scienze agrarie, alimentari e agro-ambientali e il Centro interdipartimentale di ricerca “Nutraceutica e alimentazione per la Salute” dell’Università di Pisa organizzano la giornata di studio “I legumi: semi nutrienti per un futuro sostenibile”.

L’appuntamento è venerdì 2 dicembre, dalle 9 alle 17.30, nella sala convegni del dipartimento, in via del Borghetto 80. L’evento è stato inserito tra quelli organizzati dalla Fao nell’ambito dell’Anno internazionale dei legumi (International Year of Pulses 2016). La partecipazione è gratuita previa registrazione all'indirizzo: nutrafood@unipi.it.

Durante la manifestazione sarà organizzata una raccolta fondi da destinare alle aree dell’Italia Centrale colpite dal sisma.

La coltivazione dei legumi è radicata nel bacino del Mediterraneo da sempre. Per millenni lenticchie, ceci, fave, fagioli e cicerchie hanno costituito la base dell’alimentazione, diventando sempre più presenti nelle religioni, nella letteratura, nell’arte pittorica e persino nel cinema. Dopo un drastico calo del consumo nel secondo dopoguerra, a favore delle proteine di origine animale, oggi i legumi sono tornati in auge per le loro indiscusse proprietà salutistiche, conquistando un posto d’onore nella dieta mediterranea (atta a contrastare obesità e a prevenire malattie croniche, come diabete e disturbi coronarici), ma anche nei più raffinati menù. Essi sono anche una buona riserva di elementi minerali e di vitamine essenziali. Inoltre, sotto il profilo ambientale, le leguminose sono preziose azotofissatrici e contribuiscono alla fertilità dei suoli.