Pisa, 17 marzo 2017 - La cerimonia di premiazione del XIII Premio Europa si svolgerà sabato 18 marzo alle ore 17:00 nella storica biblioteca dell’ex Convento dei Cappuccini, in Via dei Cappuccini 2, a Pisa. Il Premio Europa è l’unico premio in Italia riservato alla letteratura gialla e noir al femminile.

Ospite d'onore di questa edizione sarà Nadia Fusini, docente della Scuola Normale Superiore, critica letteraria, saggista e scrittrice di successo, che verrà premiata per la sua carriera esemplare con una medaglia che richiama nella forma l'astrolabio galileiano, simbolo della Libera Accademia Galilei, che insieme al Gruppo internazionale di Lettura e all'associazione La Compagnia del delitto organizza annualmente questa iniziativa culturale, con il patrocinio del Comune di Pisa e della Regione Toscana.

Nadia Fusini ha scritto pagine indimenticabili ispirandosi ai protagonisti della letteratura inglese, materia di cui è un'esperta riconosciuta su scala internazionale.

Per l'occasione verranno anche proclamate le vincitrici del concorso letterario nazionale riservato ai racconti thriller scritti da donne: prima classificata Annalisa Farinello, psicologa vicentina, con il racconto “Doppio inganno”, e segnalata Lucia Bruni, storica dell'arte fiorentina, con il racconto ”Stringimi, stringimi forte”. I migliori racconti saranno pubblicati in un'antologia edita da Carmignani editrice. La giuria del concorso letterario, che vede la collaborazione della Libreria Feltrinelli di Pisa ed è a partecipazione gratuita, è presieduta dalla scrittrice e giornalista Paola Alberti ed è composta da Maria Paola Ciccone, presidente del Gruppo Internazionale di Lettura, e dalla docente di Psicologia dell'ateneo pisano Elena Calamari.

La cerimonia del Premio Europa quest'anno prevede un premio dedicato alla memoria della giornalista toscana di Sky-News24 prematuramente scomparsa Letizia Leviti, alle giornaliste Roberta Galli, del quotidiano Il Tirreno, Francesca Bianchi, de La Nazione, e Chiara Cini, di 50Canale, per il loro impegno come professioniste dell'informazione. Letizia Leviti, originaria della Lunigiana, prima di approdare al giornalismo televisivo e di ricoprire ruoli da inviata speciale anche in zone di guerra, mosse i sui primi passi professionali proprio nella città della torre pendente, dopo la laurea in Filosofia all'Università di Pisa.

Un premio verrà dedicato anche ad alcuni rappresentanti di un movimento letterario che esattamente vent'anni fa, da Pisa, si fece notare nel panorama culturale italiano per le sue proposte: le Penne Arrabbiate, l'ultima avanguardia letteraria del Novecento. Oltre a Paola Alberti, che fondò proprio a Pisa il movimento, saranno presenti anche Lorena Lorenzelli, Michele Orsitto, Franco De Rossi e Antonio Bonucci (in videoconferenza da Amburgo), per raccontare le loro esperienze anche grazie ad un video che ricorda le origini di questo movimento letterario.

La novità di questa edizione del Premio Europa è rappresentata dal premio agli autori di contenuti culturali per il Web, che è stato assegnato alla giovane lucchese Alessia Pellegrini, laureanda alla magistrale di Italianistica nell'ateneo pisano, per il sito http://omneslitterae.it/.