Pisa, 13 giugno 2017 - Daniele Ferretti, il negoziante che ha sparato uccidendo, nella sua gioielleria, un rapinatore, aveva ricevuto altri assalti in passato. Il più grave nel dicembre 1999, quando nella gioielleria entrarono due uomini, napoletani di circa trent'anni raccontano le cronache dell'epoca, che prima di arraffare la merce accoltellarono l'uomo, che finì in ospedale e subì anche un'operazione, riuscendo a salvarsi. I banditi portarono via valori per circa 80 milioni di lire.

L'ultima rapina era invece avvenuta nel gennaio del 2016. In quel caso a entrare fu un solo rapinatore. L'uomo minacciò una commessa, facendosi consegnare diversi rotoli di preziosi. La rapina andò a segno anche quella volta e fu portata via merce per diverse decine di migliaia di euro.