Pisa, 10 novembre 2017 - Un paracadutista volontario aggregato a Pisa da Bracciano è morto oggi nella caserma 'Gamerra' di Pisa, sede del centro di addestramento dei parà della Folgore. Il giovane, 27 anni, sarebbe deceduto in seguito a un problema cardiocircolatorio.

Sull'episodio indagano i carabinieri. Secondo quanto si è appreso, il militare sarebbe morto nella camerata e sarebbe stato un compagno di stanza a trovare il corpo già privo di vita. 

Una prima ricognizione esterna sul corpo della vittima non avrebbe rilevato apparenti segni di violenza. Sul posto è intervenuto il pubblico ministero Sisto Restuccia, lo stesso che sta indagando nell'inchiesta bis sulla morte di Emanuele Scieri, il parà morto 18 anni fa in circostanze nella stessa caserma pisana. L'indagine è stata avviata su richiesta della commissione parlamentare d'inchiesta sulla morte del parà siracusano. Insieme al magistrato alla «Gamerra» è giunto anche il medico legale. Il ritrovamento del giovane paracadutista morto nel letto della sua camerata è avvenuto poco dopo le 13.

Il giovane è stato "colto da un malore". È quanto si legge in un comunicato dell'Esercito, in cui si esprime cordoglio per la morte del parà. Il capo di Stato maggiore, il generale Danilo Errico, "appresa la triste notizia - si legge nella nota - del decesso a Pisa, di un volontario dell'Esercito, effettivo al 185/o Reggimento Artiglieria Paracadutisti di Bracciano, colto oggi da un malore mentre era all'interno della sua cameretta in abiti civili, esprime sentimenti di solidale cordoglio ai familiari, a nome della Forza armata e suo personale".

L'Esercito, conclude il comunicato, "ha immediatamente attivato le procedure per fornire tutto il supporto e il sostegno necessario alla famiglia del militare, nella consapevolezza del momento di sconforto che stanno attraversando i parenti". 

Il corpo dell'artigliere paracadutista è stato trasferito in serata all'istituto di medicina legale dell'università di Pisa. La salma è a disposizione dell'autorità giudiziaria che nelle prossime ore deciderà se effettuare l'autopsia. Secondo quanto si è appreso, tuttavia, l'ipotesi più accreditata sarebbe quella dell'improvviso malore anche se non è escluso che il pubblico ministero, Sisto Restuccia, disponga l'esame autoptico proprio per stabilire con esattezza le cause del decesso. Il militare era di origini laziali e i genitori, che sono in queste ore in viaggio verso la Toscana, hanno espressamente richiesto all'esercito di non fornire le sue generalità per avere il tempo di avvisare tutti i parenti.