Pisa, 9 settembre 2017 - Danni e disagi per il violento nubifragio e la tempesta di vento che si sono abbattuti su Pisa nella tarda serata di sabato causando la caduta di numerosi alberi e danni in città e sul litorale. Decine le richieste di intervento giunte alla sala operativa dei vigili del fuoco per tettoie cadute e allagamenti. Due persone sono rimaste ferite sul litorale pisano mentre cercavano di contenere i danni in altrettanti stabilimenti balneari: entrambe sono state soccorse e medicate al Pronto Soccorso di Cisanello. Difficile anche la situazione sul versante della viabilità. Il vento ha abbattutto diversi alberi, in questo caso per fortuna senza causare danni a persone. Le situazioni più critiche si sono registrate lungo l’Aurelia, sia all’altezza dell’Ikea sia nel tratto che, costeggiando la base di Camp Darby, arriva al confine con la provincia di Livorno. Tanto da costringere le forze dell’ordine a chiudere la strada per consentire l’intervento dei vigili del fuoco.

Anche il litorale pisano è stato violentemente colpito dalla tempesta. Pure in questo caso ci sono stati alberi abbattuti dal vento sul viale d’Annunzio e lungo la Bigattiera. Viabilità in tilt e decine le strade allagate a Marina, Tirrenia e Calambrone e altrettante le richieste di aiuto ai vigili del fuoco. Tanto da rendere necessario l’intervento di squadre dei vigili del fuoco da Siena, Arezzo e Grosseto a supporto dei colleghi pisani e con mezzi e strumentazioni specifiche per contribuire al taglio delle piante cadute. Le operazioni sono state rese particolarmente difficili per le avverse condizioni del tempo e la pioggia battente.