Montecatini 15 marzo 2017 -  L’amministrazone comunale vuole eliminare il laghetto artificiale all’interno del parco di via Cividale, potenziando l’area con nuovi giochi per bambini. E’questo l’annuncio della giunta, in seguito alla notizia di un nuovo raid vandalico nello spazio, annunciata ieri dal nostro giornale, con la rottura di una parte della recinzione del piccolo bacino idrico, letteralmente strappata dalla base, a causa della bravata di un gruppo di studenti di una gita. L’amministrazione sottolinea di stare “lavorando da diverse settimane in sinergia con le forze dell’ordine per trovare la migliore soluzione possibile che favorisca il decoro e soprattutto la sicurezza per l’intera area di via Cividale, considerato il perdurare di situazioni incresciose. Per agevolare un migliore controllo all’interno dell’area, si è ritenuto di riattivare un passaggio carrabile a loro esclusivo utilizzo, per poterlo percorrere durante i giri di pattugliamento, soprattutto durante la notte”.

 

La giunta sottolinea come “un regolare pattugliamento renderebbe più sicura l’area anche di giorno, con l’obiettivo di scongiurare gli atti vandalici ripetutamente effettuati sul patrimonio comunale. L’ultimo in ordine di tempo è stata la demolizione di una porzione della staccionata del laghetto. Pertanto, abbiamo incaricato i tecnici di ripristinare il passaggio carrabile solo per i mezzi delle forze dell’ordine. L’altra ipotesi presa in considerazione era quella della chiusura notturna del parco, ma non è stata ritenuta opportuna perché avrebbe aumentato la possibilità di riparo da parte dei malintenzionati.

 

Nella seconda fase, da attuarsi nei prossimi mesi, l’area sarà riconvertita con nuove dotazioni (giochi, scivoli e attrazioni ludiche) per bambini e famiglie, eliminando il laghetto. Siamo fermamente convinti che l’unica via per contrastare le presenze portatrici di degrado sia infatti quella di riappropriarsi dei luoghi pubblici con investimenti per le famiglie, allontanando in questo modo fonti di pericolo e presenze nocive”.

 

Al di là dell’ultimo episodio avvenuto nel parco di via Cividale, per il quale saranno senza dubbio effettuati accertamenti da parte delle forze dell’ordine, rimane il problema della manutenzione. La staccionata della recinzione, strappata dagli studenti, comunque, non viene verniciata da oltre 10 anni. Facile quindi che, quando avvengono episodi del genere, la struttura, ormai marcita, possa essere strappata con estrema facilità dai vandali.