Montecatini 12 settembre 2017 - Una petizione popolare con una serie di proposte per far fronte all’emergenza sicurezza in città. A lanciarla è Forza Italia. Massimo Boni, nuovo coordinatore provinciale, ha presentato il documento ieri mattina nella sede di via Michelangelo, dove sarà possibile sottoscriverlo. Chi volesse firmare la petizione potrà farlo anche all’interno di varie attività commerciali di Montecatini. Il documento è rivolto al sindaco Giuseppe Bellandi, al prefetto Angelo Ciuni e a tutte le forze dell’ordine che operano sul territorio.

 

«A Montecatini – spiega Boni – è presente un numero sottodimensionato di forze dell’ordine e agenti della polizia municipale. Proponiamo di sbloccare risorse finanziarie dedicate all’emergenza sicurezza, aumentando il numero di operatori a tempo indeterminato, affinché le aree più sensibili possono essere affidate a un numero più congruo di personale. E’necessario creare un pool amministrativo comunale per verificare le residenze, eseguendo controlli incrociati del titolo di soggiorno e dei contratti di locazione. Dobbiamo identificare e verificare il reddito di tutti gli immigrati residenti e non, per vedere se è compatibile con le risorse strettamente necessarie per vivere. In assenza di riscontri, l’amministrazione dovrà attuare immediatamente i provvedimenti legati al Decreto Minniti, come l’allontanamento o la proposta di Daspo urbano al questore». 

 

Secondo l’esponente di Forza Italia, «per contrastare la dilagante piaga dei furti e degli atti vandalici, l’amministrazione potrebbe studiare anche apposite convenzioni con gli istituti di vigilanza, attraverso le quali i cittadini, in forma singola o associata, possano accedere ai servizi di sorveglianza delle loro proprietà a costi particolarmente ridotti contribuendo al contempo al miglioramento delle condizioni generali di sicurezza delle frazioni. Per gli anziani che vivono soli, sarebbe opportuno attivare e diffondere il telesoccorso, che oltre ad avere una valenza sanitaria, può avere la scopo anche di tutela da eventuali intrusioni». 

 

Forza Italia propone anche di «incentivare le opere di arredo urbano e la pulizia della città come patrimonio da preservare, evitando la creazione di ghetti. Puntiamo alla riqualificazione dello spazio pubblico, con una puntuale manutenzione delle aree, in modo da garantire una maggiore vivibilità della città e, di conseguenza, maggiore sicurezza».