Montecatini 19 aprile 2017 - Montecatini Parcheggi & Servizi, a 15 anni dalla sua nascita, si trova ancora ad affrontare il nodo della ristrutturazione dell’area ex Lazzi per garantire un numero maggiore di posti auto in centro. E se il vincolo posto dalla Soprintendenza sul complesso sembra aver messo la parola fine a qualsiasi ipotesi di edificio su più piani con una parte interrata, un recupero dell’area, anche se più modesto, non è più rinviabile. Il Comune, dopo l’approvazione del bilancio 2016 della società, in programma venerdì in consiglio, pare finalmente disponibile a portare in votazione un progetto.

 

I risultati positivi dell’ultimo consuntivo, annunciati ieri nella commissione consiliare di controllo delle società partecipate dall’amministratore unico di MP&S Renzo Cardini – da poco più di un anno alla guida dell’azienda – offrono un accantonamento di 863mila euro da cui partire, anche in vista della stipula di un mutuo.  La società, quando era guidata da Franco Pazzaglini, aveva dato incarico a uno studio di progettazione di Milano, dal quale erano arrivate dieci ipotesi, mai discusse in consiglio.

 

Soltanto l’ultima di queste, con la possibile creazione di più piani, venne presentata alla commissione partecipate, ma dopo il vincolo posto sul complesso non se ne è più parlato. «Il risultato operativo della società – ha spiegato Cardini – nel corso del 2016 è incrementato del 15% e si attesta a 398.554 euro, mentre il capitale investito è incrementato di circa il 6%, giungendo a 3.413.379 euro. La liquidità dell’azienda è stata aumentata del 75%, con 863.049 euro. La società non fa ricorso a prestiti bancari di alcun tipo ed è del tutto autosufficiente dal punto di vista finanziario. Se rimangono presupposti, l’impostazione manageriale messa in atto e la relativa continuità gestionale nei prossimi esercizi, sussisteranno ampie basi per valutazioni strategiche di attuazione di importanti investimenti».

 

Il vicesindaco Ennio Rucco ha sottolineato come «MP&S, in passato percepita come una realtà vessatoria, sia adesso diventata una società di servizi. La scelta di rendere gratuita la sosta per i residenti, in tempi difficili come questi, ha riavvicinato i cittadini.

 

Non dimentichiamo che migliaia di stalli sono stati resi gratuiti dalla nostra amministrazione. Le attuali condizioni della società consentono, dopo l’approvazione del bilancio 2016, di portare in votazione un progetto di recupero dell’ex Lazzi. L’intervento, insieme a quello in programma all’ex scuola media Dante, divenuta una delle sedi dell’alberghiero Martini, e ai lavori che saranno fatti al mercato coperto, punta a un recupero complessivo di tutto il quartiere».