Montecatini Terme, 19 marzo 2017 - «Il Consorzio di bonifica Basso Valdarno 4 deve ritirare il piano di classifica che ha portato pesanti aumenti dei contributi richiesti ai cittadini del nostro comprensorio. Chiediamo anche la revisione immediata del nuovo piano di organizzazione variabile, dove sono previste nuove assunzioni e promozioni dei dipendenti, con possibili rincari per i contribuenti». La Valdinievole suona la carica contro l’ente con sede a Pisa e chiede al presidente Marco Monaco un intervento immediato per far fronte ai problemi legati ai contributi, aumentati anche di oltre il 100%, e del potenziamento del personale, con possibili costi aggiuntivi a carico dei cittadini. Il documento è stato elaborato nel corso di una riunione tenuta nelle sale del Comune di Pescia, su iniziativa del sindaco Oreste Giurlani, dove hanno partecipato vari membri dell’assemblea del consorzio, eletti in Valdinievole. Si tratta di Pier Luigi Galligani, sindaco di Ponte Buggianese, Roberta D’Oto, delegata del sindaco di Monsummano Rinaldo Vanni, Maurizio Ventavoli, vicepresidente del consorzio, Daniele Bettarini, ex sindaco di Buggiano e Massimo Alamanni, ex sindaco di Pieve. L’assemblea dell’ente, in programma a Pisa mercoledì 22 marzo, dovrà esaminare le richieste presentate dalla Valdinievole. I firmatari del documento chiedono il «ritiro dell’ordine del giorno relativo al piano di organizzazione variabile (Pov) affinché possa essere ulteriormente approfondito dopo il necessario confronto con le carie componenti dell’assemblea e la revisione del piano di classifica, a partire dalle unità idrografiche omogenee (Uio), alla base della determinazione del tributo consortile».