Notizie Massa Carrara
 TV   FOTO E VIDEO BLOG SERVIZI LAVORO ANNUNCI CASA
TRAGEDIA

Muore in un incidente giovane commerciante

E' morto in un incidente d'auto causato dal ghiaccio che aveva ricoperto la Statale Cisa Martino Ciuffani, un commerciante di 31 anni residente a Terrarossa. La Panda del giovane ha cominciato a slittare sul ghiaccio, rimbalzando da una parte all’altra della carreggiata, per poi finire contro il tronco di un albero. Inutili i soccorsi: Martino è morto sul colpo

Dimensione testo Testo molto piccolo Testo piccolo Testo normale Testo grande Testo molto grande

Terrarossa (Massa Carrara), 4 dicembre 2008 - La pioggia e la strada in leggera discesa che si trasforma in una lastra di ghiaccio. Quel viale della morte si è rivelato fatale per Martino Ciuffani, commerciante di 31 anni residente a Terrarossa. Sembra procedesse a velocità normale l’altra sera attorno alle 20,45, tornando a casa alla guida della sua 'Panda', era stato a Scorcetoli ad accompagnare un amico.

 

Lo ha tradito quel tratto maledetto della Statale Cisa che attraversa la frazione di Migliarina nel Comune di Filattiera, già teatro di molti altri incidenti stradale, di cui almeno cinque mortali. Martedì sera, improvvisamente il giovane ha perso il controllo della sua Panda che ha cominciato a sbandare come fosse impazzita. L’auto è 'schizzata' via ed ha cominciato ha rimbalzare da una parte all’altra della carreggiata: prima contro la protezione stradale sulla destra, poi dalla parte opposta e ancora sulla destra prima di ribaltarsi e finire la sua folle corsa contro il tronco di un albero.

 

Un impatto terribile che ha provocato anche l’incendio la vettura. Intrappolato nelle lamiere non ha avuto scampo Martino Ciuffani. I soccorritori lo hanno trovato riverso sul volante: il suo corpo era 'imprigionato' mentre il vano motore della 'Panda' cominciava a prendere fuoco. Sono stati alcuni automobilisti in transito a fermarsi ed i primi a tentare di aiutarlo.

 

Ma si sono trovati di fronte una scena straziante e per il giovane non c’era già più niente da fare. Immediata la richiesta di soccorsi al 118 di Massa che ha rimbalzato l’allarme anche ai vigili del fuoco e dal distaccamento di Aulla è subito arrivata una squadra che è riuscita spengere l’incendio e portare in salvo la salma dei giovane commerciante. Rapido anche l’intervento dei militi della Misericordia di Mulazzo insieme ad un medico, del personale sanitario del 118 di Massa a bordo dell’automedica 'Delta 2', e dei carabinieri del nucleo operativo-radiomobile della compagnia di Pontremoli.

 

Il personale sanitario ha tentato l’impossibile per strappare Martino Ciuffani alla morte, mentre veniva allertato l’ospedale di Pontremoli dove l’équipe medica del pronto soccorso era già pronta. Ma per il giovane commerciante purtroppo ogni tentativo si è rivelato vano: troppo gravi sono risultate le lesioni riportate nello schianto contro il grosso albero e non gli hanno lasciato speranze. La salma del giovane è stata composta all’obitorio dell’ospedale di Pontremoli.

 

La scomparsa di Martino Ciuffani ha suscitato profonda impressione a Terrarossa dove il giovane era conosciuto e stimato. Martino, figlio unico, viveva con il padre Renzo Ciuffani, titolare di un negozio di ferramenta e lavorato insieme a lui. Insieme gestivano anche uno spaccio di vino. "L’avevo chiamato al telefono cinque minuti prima della tragedia - racconta fra le lacrime il padre Renzo - mi aveva risposto che stava tornando". La famiglia Ciuffani era stata colpita da un altro grave lutto tempo fa per la morte della mamma di Martino, Rita, stroncata da una grave malattia. Domani, venerdì, alle 15 l’ultimo saluto per Martino.

Carlo Galazzo










Se il codice risultasse illeggibile CLICCA QUI per generarne un altro

 

LA FOTO DEL GIORNO

federico fellini (foto fn)

La magia di Fellini
in scena agli Animosi

Sabato 6 e domenica 7 dicembre appuntamento al teatro Animosi di Carrara con 'La strada', immortale pellicola di Federico Fellini (nella foto) adattata per il palcoscenico da Tullio Pinelli e da Bernardino Zapponi, e portata in scena da Massimo Venturiello e da Tosca. Lo spettacolo si concentra soprattutto sul rapporto tra Zampanò e Gelsomina, ma senza tralasciare l'elemento dell'ambientazione circense, metafora di un’umanità forse meno lontana da noi di quanto pensiamo