Carrara, 23 gennaio 2018 - Gian Luca Brizzi è il nuovo segretario comunale del Pd. Enzo Manenti alla guida del provinciale. Nicola Danti, commissario per il congresso commenta così: «Un risultato straordinario, grazie ai nostri iscritti». Brizzi ottiene 389 voti, Manenti in città raggiunge 306 preferenze. Tra venerdì e domenica si è svolto il congresso del Partito democratico nella federazione (manca all’appello soltanto il circolo Avenza Storica, che voterà mercoledì). I circoli hanno decretato la vittoria del candidato unitario Manenti, che sarà proclamato nella prima assemblea territoriale fissata per sabato 27 novembre. Il dato più significativo è quello che riguarda la partecipazione: con 2.704 votanti su 5.361 aventi diritto (50,44 per cento), il nostro congresso provinciale è quello più partecipato di tutta la Toscana, con un’affluenza oltre il 50 per cento rispetto a una media regionale del 36,68 per cento. «Questo congresso ci consegna un risultato straordinario in termini di partecipazione, il più alto in tutta la Toscana tra quelli dove si è andati ad un congresso unitario. Quello di Massa Carrara è un dato ancora più positivo se si considera che si è votato sulla base del tesseramento 2016. Come commissario straordinario – prosegue – voglio fare un grande ringraziamento a tutti gli iscritti che hanno partecipato al voto e in particolare ai volontari che hanno aperto i seggi e che in ogni circolo hanno permesso lo svolgimento del congresso e questo risultato eccezionale. Da oggi – conclude – il partito torna finalmente a darsi una guida autorevole e condivisa, rinnovando i propri organi a livello territoriale e nei circoli di tutta la provincia. Buon lavoro a Enzo Manenti e a tutti i nuovi segretari: adesso avanti, tutti insieme, verso la sfida del 4 marzo». Il dato di Marina Est è ancora in studio perché era a rischio di non voto, ma alla fine ha trovato sede in quello di Marina Ovest, il cui dato è: 83 iscritti, 45 votanti, 41 Gian Luca Brizzi a segretario comunale, 43 Enzo Manenti, 45 Alessandro Caleo. Nazzano: 71 iscritti, 50 voti, 50 Brizzi, 38 Manenti, 50 Giacomo Delfino segretario circolo. Paesi a Monte: 36 iscritti, 32 votanti, 32 Brizzi, 22 Manenti, 28 Gigliana Nicolai segretario circolo. Carrara centro: 135 iscritti, 29 votanti, 28 Brizzi, 28 Manenti, 27 Nicola Abruzzese segretario circolo 1 bianche.Bonascola: 233 iscritti, 189 votanti, 182 Brizzi, 125 Manenti, 186 Jessica Sanna segretario di circolo. Avenza Battilana: 133 iscritti, 40 votanti, 33 Brizzi, 36 Manenti, 35 Federica Paradisi segretario circolo.

Soddisfatto per il risultato raggiunto il nuovo segretario comunale Gian Luca Brizzi. Il neo eletto, uscito dai congressi che hanno visto prevalere al provinciale Enzo Manenti, rilascia un’intervista.

Un commento sui dati usciti dalle urne dei congressi.

"Sono molto soddisfatto della partecipazione. Il 44 per cento di affluenza va analizzato tenendo conto della lunghissima attesa rispetto ad un congresso che doveva celebrarsi nello scorso ottobre. Tutte le polemiche che ne sono conseguite hanno inevitabilmente disperso la voglia di partecipazione. Va ricordato inoltre che la candidatura alternativa, presentata lunedì scorso, è stata ritirata a poche ore dalla celebrazione del congresso, e pertanto, l’assenza di competizione ha ulteriormente frenato il dato della partecipazione".

Come ricompattare il partito dopo lo strappo interno nelle ultime amministrative? 

"Questo è il compito più difficile, anche se qualche segnale positivo c’è stato già in questo congresso. Molti iscritti hanno deciso di partecipare dando nuovamente fiducia e spinta al progetto del Partito Democratico superando le profonde divisioni della recente campagna elettorale delle amministrative. Penso che ci dovrà essere uno sforzo comune di tutte le componenti per ritrovarsi in un percorso unitario. Certamente non sarà cosa facile e ci vorrà del tempo. Ma l’obiettivo deve essere quello di restituire forza ad un progetto serio di tutto il centro sinistra che recuperi la fiducia della città e ci consenta di riconquistarne la guida tra qualche anno".

Quale sarà il suo primo passo una volta che si sarà insediato in via Groppini?

"Mi piacerebbe che la Sede del Partito ritornasse ad essere luogo di discussione e di confronto e soprattutto luogo in cui si possa formare una nuova classe dirigente facendo tesoro dei tanti giovani che continuano ad impegnarsi nel Partito Democratico".