Massa (Massa Carrara), 8 febbraio 2018 - È entrata in una gioielleria del centro storico di Massa, fingendo di avere una pistola nel giubbotto e tentando una maldestra rapina: la donna, che sarebbe seguita dai servizi sociali, è stata poi arrestata dalla polizia appena fuori il negozio dopo che una commessa era riuscita ad allontanarsi e a chiamare il 113. Secondo quanto ricostruito la donna, che ha agito col volto parzialmente coperto da una grande sciarpa, ha fatto credere alle dipendenti di avere una pistola nascosta nella giacca. Ha quindi chiesto di consegnarle gioielli con diamanti e almeno 5000 euro, perdendo poi lucidità e freddezza: è stato allora che una delle commesse è riuscita ad uscire e a chiamare la polizia con il cellulare. L'altra commessa, cercando di guadagnare tempo aspettando le volanti, le ha consegnato un sacchetto pieno di monili di poco valore e la donna, sentendo le sirene, li ha arraffati ed è uscita di corsa dal negozio. Gli agenti l'hanno bloccata e arrestata. Perquisita, non aveva nessuna pistola con sè.