Aulla, 14 giugno 2017 - Stanno lavorando 'a scartamento ridotto', praticamente decimate, le stazioni dei carabinieri della Lunigiana colpite dall'inchiesta della procura di Massa Carrara per una serie di reati legati alle attività dei militari sul territorio. In particolare si è ridotta di molto, in queste ore, l'attività della stazione di Aulla, che ha tutto il personale indagato, una ventina di carabinieri. Il maresciallo comandante di stazione è stato sospeso dal servizio e da stasera a mezzanotte deve allontanarsi dalla provincia. Inoltre, un brigadiere di Aulla è stato arrestato in carcere e altri cinque militari della stessa stazione, con vari gradi, sono stati colpiti o dagli arresti domiciliari (sono tre) o, come il loro comandante, dal divieto di dimora (altri due). L'ottava misura cautelare, un altro divieto di dimora nella provincia apuana, è scattata per un militare della stazione di Albiano Magra.