Carrara, 30 dicembre 2017 - Con le lacrime agli occhi don Luigi Bacci saluta il piccolo Luca. Chiesa gremita in ogni posto ieri pomeriggio alla Natività di Maria Santissima a Nazzano: i piccoli compagni di scuola della Perticata, i vicini di casa della famiglia Parakhnenko e i cittadini hanno voluto essere presenti alla messa che si è tenuta ieri pomeriggio per dare l’ultimo addio al piccolo di 7 anni deceduto dopo una folla corsa al Meyer di Firenze, la vigilia di Natale, subito dopo che il bimbo aveva accusato un mal di testa e aveva avvertito del suo disagio le maestre in classe. La bara del piccolo non era presente: attualmente è a Roma e partirà oggi alla volta di Kiev dove sarà sepolta. È commosso don Luigi, inizia la messa con fatica e si lascia andare per un attimo al dolore che coinvolge tutta la chiesa. Alla prima panca i genitori del piccolo, Serhiy e Olga, distrutti dalla morte del bambino. «Dio ha un piano che noi non possiamo comprendere – ha detto don Luigi nell’omelia –. Cari genitori, che questa chiesa gremita possa darvi forza e vi accompagni nell’andare avanti in questi momenti di profondo dolore. Sono contento che le panche siano gremite fino all’ultimo posto, c’è più gente che a Natale, questo vuole dire che le persone che abitano qui, che conoscono la famiglia hanno voluto essere presenti per dare una risposta alla famiglia e per non farla sentire sola. Qui ci sono anche i bimbi che andavano a scuola con lui, la loro presenza vi dia forza. Avremo un altro angelo in paradiso». Gara di beneficenza anche in chiesa: «Le offerte di questa messa saranno per la famiglia per permettere al bimbo di tornare a casa». La famiglia ha ringraziato su Facebook le tante donazioni in questi giorni e ieri.