Avenza (Massa Carrara), 2 gennaio 2018 -  ARMATO di pistola e col volto coperto da un casco da motociclista, un bandito solitario ha dato l’assalto nella notte tra sabato e domenica alla sala slot di via Sforza ad Avenza portando via l’incasso di circa 6mila euro. Un colpo fulmineo ripreso dalle telecamere della videosorveglianza su cui stanno indagando polizia e carabinieri. Il malvivente potrebbe aver commesso un passo falso e non è escluso che venga arrestato nelle prossime ore. Gli elementi in mano agli inquirenti sarebbero ritenuti preziosi.

Il rapinatore è entrato in azione verso le due di notte quando all’interno della sala slot non vi erano più clienti. Solo il titolare che stava ultimando i conteggi per poi chiudere il locale. Il bandito ha fatto irruzione nella sala slot con fare molto deciso, ha parlato poco e ha subito fatto capire le sue intenzioni. “Dammi tutti i soldi e fai in fretta”: questa la minaccia rivolta al gestore della sala sotto la minaccia della pistola che potrebbe essere anche giocattolo. Saranno le indagini a stabilirlo. Comunque, il titolare non ha potuto fare altro che consegnare l’incasso al malvivente che poi si è allontanato a piedi verso il centro storico di Avenza. Non è escluso che vi fosse un complice ad attenderlo. Qualcuno avrebbe avvertito in zona il rumore di uno scooter che si allontanava verso la stazione ferroviaria anche se la circostanza non avrebbe trovato conferma. Gli inquirenti stanno setacciando tutte le telecamere posizionate nelle varie strade adiacenti e si spera di raccogliere altri indizi dalla visione dei filmati dei vicini istituti di credito.

Gli investigatori hanno il sospetto che ad agire sia il solito bandito che di recente ha fatto irruzione in altre sale giochi di Marina.

I fotogrammi ricavati dalla videosorveglianza potrebbero dare la svolta alle indagini che si muovono su tutti i fronti prendendo in considerazione anche l’azione isolata di uno sbandato alla ricerca di denaro per acquistare la droga.

guido baccicalupi