Carrara, 30 dicembre 2017 - «Una laurea honoris causa per lo chef Massimo Bottura». Ad annunciarlo è il presidente dell’Accademia di belle arti Giancarlo Casani, mentre sta annunciando la partecipazione al concorso nazionale per il restauro della sala Marmi dell’Accademia di belle arti. «La consegna avverrà ad aprile. Questo chef è considerato uno dei migliori al mondo per la sua creatività nel piatto e noi ci teniamo a premiare coloro che si contraddistinguono per eccellenza e arte nei loro mestieri». La sala dei Marmi, è stata selezionata fra i 101 progetti di restauro e conservazione preventiva del 2017 che hanno utilizzato l’«Art Bonus» come veicolo per recuperare e valorizzare il patrimonio culturale italiano. Così partecipa al concorso nazionale «Progetto art bonus dell’anno». L’iniziativa, promossa da Ales (Società responsabile per conto del ministero dei Beni culturali) è nata con l’obiettivo di premiare lo sforzo di quanti, mecenati ed enti, hanno reso possibile il recupero e la valorizzazione del patrimonio culturale del Paese. Il concorso riguarda 101 progetti, in 13 regioni italiane. Il valore complessivo dei progetti ammonta a oltre 32 milioni di erogazioni ricevute. Fino al 6 gennaio si può votare per far vincere il progetto cittadino e far parlare di noi ancora una volta a livello nazionale.

Per votare è sufficiente un semplice click sul sito del concorso: https://www.concorsoartbonus.it/edizione2017/progetti-artbonus/ e ovviamente cliccare su Accademia di belle arti. Si può votare esprimendo un’unica preferenza sul progetto (non è necessaria la registrazione). Il progetto vincitore sarà eletto dalla giuria popolare composta da tutti coloro che voteranno online per il concorso. Votando per la sala, si dà una preferenza alla città e al suo rilancio. Il restauro della sala è stato realizzato nei mesi di marzo e aprile scorsi, su progetto e direzione lavori dell’architetto Paolo Camaiora, ed è stato reso possibile mediante l’utilizzo dei benefici “Art Bonus”, grazie alle generose erogazioni finanziariee dei seguenti mecenati: Cmm Calacatta Marble srl, Costa Paolo & Company, Studi d’arte Cave Michelangelo, Barattini marmi, Giovanni Figaia, Gmc, Errebi marmi, Carlo Telara, Italmarble Pocai, Cibart 08 di Andrea Dell’Amico, Società escavazione Calacatta