Lucca, 4 maggio 2016 - Un’esplosione di gioia e felicità incontenibile, un urlo liberatorio dei tanti tifosi e dirigenti biancorossi presenti al PalaTaliercio, scatenati al fischio finale, tutti uniti per celebrare un’altra magnifica impresa della Gesam Gas&Luce che, dopo un cammino incredibile in regular season, ha conquistato con grandissimo merito l’accesso alla finale scudetto, la seconda nella storia del club in sei anni di A1, battendo anche in garadue l’Umana Reyer Venezia, dopo un supplementare, con il punteggio di 68-64. Al PalaTaliercio è stata battaglia vera, intensa, come ci si aspettava da parte di due squadre che hanno lottato come se non esistesse un domani, a viso aperto, buttando sul parquet ogni energia a disposizione. La posta in palio era altissima e Venezia ha fatto di tutto per portare la serie a garatre, ma dall’altra parte una Gesam Gas&Luce consapevole della propria forza e maturità, ha letteralmente strappato dalle mani delle avversarie palloni decisivi in un finale incredibile, portandosi a casa una vittoria storica, in un campo violato in stagione solo dalle biancorosse, che vale la finalissima scudetto (garauno in programma il 10 maggio al PalaTagliate), contro Schio o Ragusa, che si scontreranno nella decisiva garatre venerdì prossimo.

“E’ stata un’altra partita equilibrata, anche se stavolta punto a punto, senza strappi – dichiara coach Diamanti -. Abbiamo avuto l’occasione di chiudere nei tempi regolamentari, ma poi nel supplementare siamo rimasti lucidi e con merito abbiamo portato a casa la vittoria. Voglio fare un grande plauso alla squadra, ai tifosi che ci hanno seguito anche oggi. Volevamo il due a zero, per avere il tempo di ricaricare le batterie. Ce l’abbiamo fatta e adesso ci aspetta la serie decisiva”.

Venezia-Lucca: 64-68 d1ts (10-12; 22-22; 44-42; 58-58)
Umana Reyer Venezia: Carangelo 9, Porcu ne, Christmas 8, Pan 3, Bagnara 2, Sandri 6, Formica 2, Ruzickova 19, Dotto 5, Zecchin ne, Cubaj ne, Fontenette 10. All. Liberalotto
Gesam Gas&Luce: Viale ne, Templari , Dotto 18, Wojta 18, Reggiani , Harmon 17, Crippa 9, Gaeta ne, Laterza ne, Mandroni ne, Pedersen 6, Gatti ne. All. Diamanti Arbitri: Angela Rita Castiglione di Palermo, Christian Borgo di Vicenza e Alessandro Costa di Torino