Lucca, 29 luglio 2017 - Un ricorso al Tar della Toscana per chiedere una verifica relativa al turno di ballottaggio che del 25 giugno scorso per l'elezione del sindaco di Lucca, vinto per poco più di 350 voti dal candidato del centrosinistra Alessandro Tambellini, è stato depositato dal candidato sindaco Remo Santini, in accordo con i partiti di centrodestra Forza Italia, Fratelli d'Italia e Lega e le due liste civiche SìAmoLucca e Lucca in Movimento che lo hanno sostenuto alle recenti elezioni amministrative.

Il ricorso, presentato per conto di Santini e della coalizione dall'avvocato Antonio Catricalà, chiede in particolare una verifica "sulle numerose sezioni elettorali in cui i verbali redatti hanno evidenziato diverse anomalie".

"Molti dei nostri elettori ci hanno chiesto fin da subito di fare chiarezza sull'esito del voto, deciso al fotofinish per soli 361 voti - spiega Santini - e dopo gli opportuni approfondimenti, abbiamo deciso di affidarci al Tar, che è l'organo deputato a svolgere questi controlli. Ci siamo avvalsi quindi della facoltà che ci veniva consentita dall'ordinamento e pensiamo di avere fatto bene anche in virtù delle tante sollecitazioni che abbiamo ricevuto in queste settimane".

"Ringrazio tutti coloro, candidati al consiglio comunale delle liste civiche e dei partiti - ha aggiunto - che nell'ultimo mese hanno svolto un lavoro di controllo preventivo sulle copie dei verbali, che ha poi consentito di far impostare il ricorso. In attesa di un pronunciamento del Tar, nel frattempo continueremo a svolgere il nostro ruolo di opposizione all'amministrazione Tambellini da poco insediata".