Lucca, 12 agosto 2017 - Ancora truffe ai danni degli anziani. E, quello che lascia di più l’amaro in bocca, non è soltanto il furto in sé, ma soprattutto il fatto che i malviventi come sempre si impossessano oltre che dei soldi e dei preziosi, anche dei ricordi di famiglia. Ancora un nuovo caso si è registrato proprio in questi giorni. L’ultimo episodio in ordine cronologico è accaduto infatti ieri nel primo pomeriggio in una casa dove abita una persona anziana e che si trova nella prima periferia della città.
 
Stando a quanto è possibile sapere e secondo una primissima ricostruzione, i truffatori sarebbero entrati in azione con una scusa banale: occorreva cioè effettuare un controllo dell’oro non meglio specificato. I due si sono presentati nel primo pomeriggio: hanno suonato alla porta dell’abitazione e hanno iniziato a chiedere appunto di controllare gli oggetti di valore. I due, tra l’altro, hanno anche messo fretta alla sfortunata proprietaria di casa che quindi, sul momento, si è comprensibilmente intimorita. Le hanno chiesto di prendere gli oggetti di valore che si trovavano in casa e di raccoglierli, probabilmente facendoli sistemare su di un tavolo. Come se questa precauzione avesse potuto scongiurare chissà che tipo di problemi. Naturalmente, il controllo era assolutamente fasullo. Quando poi i due truffatori se ne sono andati e la signora è tornata per riprendere l’oro che aveva messo sul tavolo, ecco l’amara sorpresa.
 
Non c'era più niente. Anche se una stima precisa è impossibile al momento farla, secondo una prima ricostruzione sarebbero stati rubati alcune centinaia di euro in banconote e anche alcuni preziosi. E purtroppo, quello che colpisce è che, come detto, non soltanto i due sono riusciti a circuire ed a rubare oggetti di valore, ma soprattutto è che al di là del valore dei singoli oggetti, hanno rubato ricordi di famiglia. Alla signora non è rimasto altro da fare che contattare subito le forze dell’ordine che si sono recate sul posto per un sopralluogo. Adesso tutti gli indizi possono essere utili per cercare di rintracciare i due truffatori. Può darsi anche che qualche passante abbia visto qualcosa di sospetto dal momento che i due hanno agito in pieno giorno e di primo pomeriggio.