Lucca, 2 febbraio 2018 - Arriva la lotteria nella raccolta differenziata. "Sistema Ambiente" e il Comune di Lucca propongono ai cittadini un concorso per incentivare la raccolta differenziata, in netta crescita da anni, per quanto le tassa sui rifiuti continui a salire. Per continuare a sviluppare la fiducia nella raccolta differenziata, Sistema Ambiente ha messo a punto un vero e proprio concorso dal titolo «Differenzia e... vinci!». Tra tutte le utenze domestiche in regola coi pagamenti, ogni bimestre 15 particolarmente virtuose verranno sorteggiate e riceveranno un bonus da 80 euro scontato nella fatturazione successiva. Quattro saranno utenze del centro storico: per partecipare si dovrà aver ritirato il kit dei sacchetti per la raccolta o aver utilizzato almeno 30 volte nel bimestre le isole interrate. Altre undici utenze verranno scelte tra quelle fuori dal centro a patto che abbiano utilizzato almeno due volte nel bimestre una stazione ecologica o esposto solo tra due e sei volte il mastello della raccolta indifferenziata. Il concorso è partito ieri, prima estrazione il 14 aprile e per informarsi con la visione del video di presentazione realizzato da Simone Rabassini, cliccare su www.sistemaambiente.it. 
Secondo l’assessore all’ambiente Francesco Raspini il concorso «non è una sconfitta perché a trent’anni dal via alla differenziata c’è ancora bisogno di promuoverla ma un modo per far passare meglio il messaggio». 

«Siamo passati dal 49% al 78% di raccolta, che ricordo è un obbligo di legge e un modo per preservare il pianeta e le sue risorse. Perché le tariffe continuano a crescere? Altrove ci sono impianti di smaltimento, qui no. E non dimentichiamo che a Lucca, per anni, si sono distribuiti utili che di fatto non esistevano nei bilanci di Sistema Ambiente. Una gestione scellerata». 
A giorni è attesa, al tribunale delle imprese di Firenze, l’ultima udienza a seguito dell’azione di responsabilità intentata contro i precedenti amministratori. «E’ un modo per cercare di sensibilizzare – gli fa eco il presidente di Sistema Ambiente Matteo Romani – a breve tradurremo anche i nostri opuscoli per i turisti che potranno avere tessere temporanee per accedere alle isole ecologiche del centro. Quanto ai costi, non dimentichiamo che se la raccolta non funzionasse, avremmo altri 3 milioni di euro da dover mettere in bolletta ai cittadini. Credo che alcune critiche politiche mosse ai rincari siano superficiali, la realtà è decisamente più complessa e ce la stiamo mettendo tutta per ridurre i costi, ma dobbiamo ricordare che metà di essi deirvano dalle spese del personale».