10 settembre, Vagli Sotto, Lucca -  Un nuovo Ponte particolarmente solido e ideale quello da poco costruito dall’amministrazione del sindaco Mario Puglia con la Federazione Russa di Vladimir Putin, grazie alla statua dedicata all’eroe Aleksander Prokhorenko, installata nel Parco dell’Onore sul Lago di Vagli.

Una linea emotiva che parte dalla comunità del paese della Garfagnana, giunge direttamente a quella di Gorodki, nella regione russa di Orenburg, luogo di origine del tenente maggiore Aleksander Prokhorenko caduto a Palmira da eroe a 25 anni, e si estende all'intera Federazione, al MInistero della Difesa e al suo Presidente. 

Alla solenne cerimonia di ringraziamento erano presenti, tra gli altri, il direttore del centro russo di Scienza e Cultura a Roma e primo segretario dell'ambasciata della Federazione russa in Italia Oleg Ossipov e l'addetto militare della federazione russa all'ambasciata italiana, Sergey Chukhrov, che è tornato a Vagli in compagnia della famiglia.

Grande emozione al momento dell’alzabandiera e degli inni nazionali, come anche per le straordinarie esibizioni del tenore toscano Claudio Sassetti che hanno esaltato i passaggi salienti dell'evento, il tutto ripreso in diretta della televisione russa.

Tanti gli operatori e i giornalisti internazionali che sono arrivati a Vagli insieme ai maggiori corpi militari dello Stato, per le istituzioni locali presente il sindaco di Castiglione Garfagnana, Daniele Gaspari.

“Prokhorenko eroe del mondo. - ha detto il sindaco Mario Puglia nel suo intervento - Il suo sacrificio sia da monito per la lotta al terrorismo che contraddistingue la nazione russa, a cui tutti noi dobbiamo rispetto e gratitudine. Onore al soldato e al giovane uomo. Non sono presenti molte istuituzioni locali, ma ci sono quelli che contano per noi. Tutti i corpi dei militari che ci onorano della loro presenza conoscono molto bene e apprezzano i valori che oggi celebriamo. Presto - ha poi annunciato - il presidente Putin riceverà direttamente da Vagli una riproduzione in marmo della statua del suo soldato, che è attualmente in fase di realizzazione da parte dello stesso artista che ha creato l'originale, lo scultore Marc Maurice Levet.”

Impeccabile il cerimoniere Nicola Tropeano che ha invitato tutti a rendere l'omaggio finale alla statua del tenente russo dove sono state deposte una corona e singole rose rosse in suo onore.