La Spezia, 24 dicembre 2017 -  Fra i tanti presepi che le nostre regioni offrono per Natale, ad attirare le attenzioni di turisti e residenti ci sono quelli organizzati nel tratto di costa ligure che dalle Cinque Terre arriva a Tellaro. Fra questi, c’è il Natale subacqueo di Monterosso, che si svolge stasera e che porta con sé fascino e suggestione, nonostante sia un presepe ‘giovane’ (terza edizione).

L’appuntamento è al molo dei Pescatori, dalle 21.30. Un gruppo di subacquei emergerà dalle acque con la statua del Bambin Gesù formando una fiaccolata, poi alle 22.30 si svolgerà la messa nella chiesa di San Giovanni Battista mentre al termine della cerimonia (durante la quale sarà letta la preghiera del subacqueo) verranno offerti cioccolata calda e panettone. Ma Gesù Bambino nascerà anche dal mare di Tellaro. La statua, donata da Papa Giovanni Paolo II, emergerà trasportata da un gruppo di subacquei in un rito che si ripete dal 24 dicembre del 1970.

La scenografia tellarese sarà formata dagli scogli e i carruggi illuminati da migliaia di lumini che vengono preparati pazientemente con vasetti di vetro in cui viene colata la cera tra un grosso stoppino e che alla vigilia vengono posizionati un po’ dappertutto, sia tra le piccole vie del borgo che tra gli scogli che incorniciano la piccola baia prospiciente l’antica chiesa di San Giorgio. Senza dimenticare l’evento di La Spezia, dove Gesù nascerà in mare, all’interno di una grande conchiglia e verrà accompagnato sulla terraferma dai sub, in un tripudio di colori, generati dai fuochi di segnalazione che i subacquei trasportano a far da cornice, mentre la conchiglia viene issata sulla banchina.