La Spezia, 30 marzo 2015 - OLTRE 47 chilometri di gara con un dislivello in salita di 3.100 metri, 200 partecipanti e 400 pasti serviti. Numeri da capogiro per una manifestazione che ieri ha offerto il giusto riconoscimento alle Cinque Terre e ai suoi sentieri. Il sole ha infatti baciato i podisti impegnati nella prima edizione dello Sciacchetrail, la corsa nei vigneti dove viene prodotto il prelibato passito locale. Alle 7.30 l’inizio della gara in piazza Garibaldi a Monterosso, terminata dopo 5 o sei ore, sempre nel borgo monterossino. Due le categorie: gli uomini che hanno visto salire sul podio Mirko Richele, al primo posto, dell’Alpstation Trail Team, Gianluca Cola del Circolo Minerva Asd, e Danilo Lantermino sempre dell’Alpstation Trail Team. E tra le donne al primo posto Lara Mustat, del Circolo Minerva Asd, Angela Rosa Rollando dell’Atletica Entella Running, e Cristina Carli della Polisportiva sporting.

Grande gioia soprattutto per la Rollando, 50enne vernazzese doc, collaboratrice del Parco nazionale delle Cinque Terre, che ha strappato il secondo posto a una giovane professionista: lei che conosceva bene i sentieri macinati ieri perché da bambina aiutava la mamma a trasportare le ceste cariche di uva nei caratteristici muretti a secco. Ma grande soddisfazione anche da parte degli altri atleti, molti dei quali hanno unito lo sport alla scoperta di un territorio che ieri si è rivelato nella sua totale bellezza. La passione per quella terra e per l’accoglienza dei propri ospiti ha inoltre aiutato le donne e gli uomini del posto a cucinare le prelibatezze gastronomiche, poi degustate dai partecipanti e dai loro accompagnatori. Un “pasta party’’ a base di prodotti tipici locali dei due parchi nazionali, quello delle Cinque Terre e quello dell’Appennino Tosco Emiliano, annaffiati dall’immancabile Sciacchetrà. Insomma, un primo trail all’insegna del successo, e anche della sicurezza, con lo schieramento di diversi volontari delle pubbliche assistenze, del soccorso alpino e del personale del Cai. L’impegno degli organizzatori è quello di far rivivere la manifestazione anche il prossimo anno, per coronarla a evento annuale di rilievo di tutte le Cinque Terre.