La Spezia, 13 settembre 2017 - Alla Spezia c’è aria di cambiamento per quanto riguarda la tariffazione della sosta. Per andare incontro alle esigenze dei genitori o dei nonni che accompagnano i loro figli a scuola, l’amministrazione comunale del sindaco Pierluigi Peracchini ha deciso di posticipare, dal prossimo 23 settembre, l’inizio del pagamento dei parcheggi dalle 8 alle 8.30, prevedendo un mancato introito di 10 mila euro ma al contempo un’agevolazione per chi deve sostare per portare i bimbi davanti all’ingresso degli edifici scolastici.

Il provvedimento sarebbe dovuto iniziare, logicamente, da domani, giorno del suono della prima campanella, ma Mobilità e parcheggi non ha terminato la cartellonistica indicativa, il cui importo ammonta a 5 mila euro. Altra novità che si fa largo sul tessuto cittadino, sempre dal 23 settembre e attivata in via sperimentale fino al 31 dicembre prossimo, è la rimodulazione delle tariffe della sosta valida il sabato, giorno della maggiore concentrazione di shopping, nelle prime due ore di sosta: nell’ottica di favorire il commercio nel centro storico, dalle 15 alle 20, solo per le prime due ore di sosta nei parcheggi a rotazione di piazza Beverini, piazza Chiodo, viale Garibaldi, via Persio, viale Mazzini e nei tratti limitrofi, la tariffa sarà di 1,50 euro per 2ore. La tariffa frazionata sarà di 0,50 euro per 80 minuti. In piazza Cavour la tariffa sarà di euro 0,50 per 2ore.

Le novità sono state spiegate a palazzo civico dal sindaco Peracchini e dagli assessori alla Mobilità, Kristopher Casati e al Commerci, Lorenzo Brogi. Si tratta dei primi provvedimenti deliberati dalla giunta relativi alla tariffazione per la sosta in città. «Abbiamo spesso ribadito, durante la campagna elettorale, – ha sottolineato il sindaco – che una delle nostre priorità sarebbe stata quella di un ritorno al rispetto della persona e della famiglia, e un’attenzione particolare alle esigenze quotidiane. Vogliamo dare un aiuto a chi accompagna i bimbi a scuola e al contempo vogliano favorire il commercio nel centro storico, nelle giornate di sabato».