La Spezia, 16 gennaio 2018 - ''Tutti al Picco a tifare i colori bianchi del cuore: uniti si vince!''. Cresce l'attesa, in seno alla tifoseria bianca, per il big match di sabato 20 gennaio tra lo Spezia e la capolista Palermo. Attesi al 'Picco' oltre 7500 supporter bianchi 'armati' delle armi della passione e della fede per spingere gli aquilotti all'impresa. All'uopo lo Spezia, visto l'importanza della gara, ha abbassato il prezzo del biglietto della curva: solo 8 euro per accedere al settore più popolare dello stadio, che sarà presumibilmente tutto esaurito.

I ragazzi della Curva Ferrovia sono all'opera per predisporre un'eccezionale coreografia che saluterà le Aquile all'ingresso in campo, coinvolgendo i quattromila tifosi della curva nell'affascinante scenografia degna della massima serie. Uno spettacolo che riporterà indietro col tempo a confermare il grande amore che da sempre lega gli spezzini in modo indissolubile alla loro squadra del cuore. Una passione unica. A completare il maestoso scenario si annuncia un tifo infuocato, con l'appello di recarsi allo stadio con le sciarpe bianche al collo da elevare al cielo al momento del canto 'Oh bella Spezia''.

Molti aspettano anche il ritorno dei tamburi al centro della curva per ritmare al meglio i cori coinvolgenti: sarebbe un modo per dare maggiore forza e sostanza al tifo aquilotto. L'esempio del 'Gruppo Bullone' in gradinata lo dimostra ampiamente. La riaccensione del fuoco dell'entusiasmo di questi ultimi tempi auspichiamo poi che porti nell'anno in corso ad un risveglio delle iniziative dei vari club di tifosi aquilotti. Il 2017 appena concluso ha, infatti, lasciato in eredità molte certezze e qualche perplessità sul coinvolgimento attivo dei vari sodalizi di supporter bianchi nella vita dello Spezia. Negli ultimi tempi solo i club 'Orgoglio Spezzino' e 'Franco Cavatorti' hanno dato costanti segnali di vitalità con iniziative pro Spezia.

Il club del levante cittadino presieduto da Tiziano Leonardi si è distinto nel 2017 per l'organizzazione del tradizionale torneo 'Mattia & Ilaria', i festeggiamenti del 29° anno del sodalizio, la festa natalizia e un costante supporto alle iniziative della curva, sia in casa che in trasferta. Il club 'Cavatorti' dell'inossidabile presidentessa Lorena Bardi si è caratterizzato per una costante vicinanza alle Aquile, non solo al 'Picco', ma soprattutto in trasferta con l'organizzazione di pullman nei vari stadi italiani.

Con la Curva Ferrovia, il club Cavatorti resta l'unico punto di riferimento per chi vuol seguire la squadra in trasferta. Merito di una dirigenza che ha compreso l'importanza di supportare la struttura preesistente con forza nuove. Note di merito anche per il club 'Riviera Attilio Currarini' che in un momento difficile della squadra ha organizzato una festa a Monterosso per risollevare il morale della truppa e per i 'Fedelissimi Mazzetta'. All'appello mancano un po' gli altri club della città e della provincia, alcuni dei quali storici: il club 'Piero Bragazzi 1985', il club 'Stefano Serra' di Ceparana, il club 'Luigi Cozzani', il club 'Bertolani' di Romito Magra, il club 'Aquile di Riomaggiore.