La Spezia, 11 novembre 2017 – Blocca la capolista Frosinone grazie alla prima rete in carriera in serie B di Gilardino, lo Spezia. Un pareggio giusto, con i laziali in vantaggio con il solito Daniel Ciofani e gli aquilotti a rispondere con il campione del mondo 2006 pochi minuti dopo. È il primo calcio di rigore battuto dallo Spezia in questa stagione. All’ultimo momento manca capitan Terzi e così tocca a Capelli sistemarsi al centro della difesa accanto a Giani, mentre davanti, come le nostre previsioni della vigilia, gioca Gilardino accanto a Marilungo, mentre Forte e e Granoche partono dalla panchina (sono anche non al top della forma).

Mister Fabio Gallo deve fare a meno di Bassi, Calabresi, Juande, Giorgi, Soleri e Acampora. Dal’altra parte, il Frosinone si affida al ridente composto da Daniel Ciofani, Dionisi e Ciano. Parte forte lo Spezia e dopo 3’, da un’azione ben orchestrata sulla sinistra da Marilungo, la palla arriva a Vignali che scarica il suo diagonale di poco sul fondo con Bardi a controllare. Poi lo stesso centrocampista ci riprova, sempre dal limite, un minuto dopo ma con palla che carambola tra le braccia del portiere ospite. Grande l’occasione che capita sulla testa di Gilardino, bravo a farsi trovare sul cross di Marilungo e a deviare, ma Bardi para (7’).

Nell’altra metà campo tocca a Dionisi, al 10’, tirare verso Di Gennaro, ma il suo esterno sinistro gira tardi e va sul fondo. Ed è ancora il Gila a provarci seppur con traiettoria sbilenca, dalla distanza (11’). Poi un brivido per gli aquilotti al 18’ perché la punizione di Ciano supera pericolosamente la barriera e va vicino al palo alla destra di Di Gennaro. Non riesce a dare potenza al suo colpo di testa al 21’ Daniel Ciofani sul cross dalla destra di Krajnc e il portiere spezzino para. Pericolosissimo il Frosinone al 32’ quando Ciano si alza il pallone al limite e gira la palla verso la porta spezzina sfiorando il palo alla sinistra di Di Gennaro. E poi Gilardino risponde subito dopo: sul rasoterra di Mastinu interviene in scivolata il campione del mondo 2006 e manda la sfera a scheggiare la traversa. Protestano gli aquilotti al 34’ quando Vignali viene toccato da Besea e finisce a terra in area, ma l’arbitro forse coperto lascia proseguire.  Riprende una corta respinta della difesa Marilungo al 39’ e scarica il destro, ma non è potente e Bardi para. Due conclusioni, una per parte di Ciano e Mastinu entrambe fuori misura, chiudono la prima frazione di gioco. Nella ripresa si parte con un immediato cambio, quello di Di Gennaro con Saloni. Il portiere numero 33 lascia il campo per un problema muscolare che già nel primo tempo lo aveva costretto a far battere le rimesse dal fondo dai difensori Capelli e Giani. Passano cinque minuti e lo Spezia protesta per un intervento Besea su Gilardino in area che il direttore di gara ritiene regolare. Bella la parata di Bardi che tocca sulla propria sinistra all’8’ la deviazione di Giani a centro area sulla punizione di Mastinu dalla sinistra, poi nessun aquilotto è pronto nel tap-in. Il Frosinone segna all’11’: sul traversone rasoterra di Dionisi interviene Daniel Ciofani che, lasciato solo al limite dell’area piccola, controlla e tira alle spalle dell’incolpevole Saloni. È lo 0-1. Sterile la pressione degli aquilotti fino a quando al 32’, Beghetto tocca con la mano in area sulla conclusione da fuori di Pessina. Dal dischetto si presenta Gilardino che conclude sulla destra di Bardi che tocca con la mano, piegata però dal pallone. È l’1-1. Il finale di gara è molto acceso con diverse ammonizioni e l’allontanamento dalla panchina aquilotta, per proteste, dell’allenatore in seconda Roberto Chiappara. Al triplice fischio dell’arbitro tanti applausi per tutti gli aquilotti e in particolare per Gilardino che esce per ultimo.  

Spezia-Frosinone 1-1

SPEZIA (4-3-1-2): Di Gennaro (1’ st Saloni); De Col, Capelli, Giani, Lopez; Vignali, Bolzoni (29’ st Ammari), Pessina; Mastinu; Marilungo (13’ st Granoche), Gilardino. All. Gallo.

FROSINONE (3-4-2-1): Bardi;  Brighenti, Terranova, Krajnc; M. Ciofani, Majello, Besea, Beghetto; Ciano (22’ st Crivello); Dionisi (36’ st Citro), D. Ciofani.  All. Longo.

Arbitro: Marinelli di Tivoli (assistenti Opromolla di Salerno e Raspollini di Livorno; quarto uomo Giua di Olbia).

Marcatori: 11’ st D. Ciofani (F), 34’ st Gilardino (S) su rigore.

Note: spettatori paganti 1.420, per un incasso di 10.831 euro; abbonati 4.200, con una quota di 25.143 euro. Ammoniti Capelli, De Col, Beghetto, Mastinu, Vignali,Terranova. Tiri in porta 3-3. Tiri fuori 6-7. In fuorigioco 1-0. Angoli 2-4. Recupero: 1’ pt e 5’ st.