La Spezia, 13 novembre 2017 – Dopo l’ennesimo infortunio di Raffaele Di Gennaro, il mister dello Spezia Fabio Gallo ha espresso la volontà alla società di avere a disposizione un nuovo portiere titolare. Così, con il beneplacito di Gabriele Volpi, ecco arrivare già all’allenamento di oggi pomeriggio, lunedì, il numero 43 Nicolò Manfredini: per lui un accordo fino a giugno 2018. Il portiere, classe ’88, è rimasto svincolato dopo la radiazione del Modena.

PRESENTAZIONE AMMARI Ha esordito con la maglia dello Spezia con il numero 42 Najib Ammari, un quarto d’ora, contro il Frosinone sabato. “Sono soddisfatto di come mi sono espresso ma soprattutto per la prestazione della squadra – afferma il trequartista oggi pomeriggio, lunedì - . Avremmo meritato molto di più”. L’impatto con il Picco è stato positivo. “È bellissimo giocare davanti ad un pubblico così caldo, il dodicesimo uomo in campo. E poi la Curva Ferrovia assomiglia molto a quella del Velodrome di Marsiglia, la città dove sono nato, cresciuto e dove ha preso il via la mia carriera”. In estate senza contratto, poi l’approdo allo Spezia e dopo quaranta giorni, l’ingaggio. “Arrivato qui ho trovato un ambiente eccezionale che mi ha aiutato ad integrarmi molto in fretta. Ora pensiamo alla trasferta di Brescia dove vogliamo assolutamente vincere”.

ALLENAMENTO Il  gruppo aquilotto, che sta preparando la sfida in esterna col Brescia di sabato pomeriggio, si è diviso nel lavoro di giornata tra chi ha giocato contro il Frosinone (scarico in palestra) e il resto del gruppo (esercitazioni di tattica individuale e di gruppo poi partitina a ranghi misti su campo ridotto). Assenti i nazionali Calabresi, Candela, Corbo, Maggiore e Pessina, in permesso Juande, aggregati dalla Primavera Desjardins, Capelli A., Figoli, Giuliani, Manfredi, Martorelli e Vatteroni.  Prima seduta con i nuovi compagni, come dicevamo, per il neo aquilotto Manfredini, regolarmente in gruppo Forte, Soleri ha ripreso a lavorare con il pallone, così come Bassi che ha rimesso i guantoni e prosegue nella sua tabella personalizzata di rientro.

Trattamento conservativo per Marilungo per un fastidio al ginocchio destro; l'attaccante sarà rivalutato nei prossimi giorni, mentre sono previsti esami strumentali per Di Gennaro dopo il problema al retto femorale destro che lo ha costretto all'uscita anticipata contro i laziali a fine primo tempo. Lavoro differenziato e terapie per Acampora, Giorgi e Terzi. Per quest’ultimo, gli esami hanno evidenziato una lesione distruttiva nella regione flessoria della coscia sinistra e così lui ha già iniziato le terapie riabilitative mirate. Per domani è in programma una doppia seduta di lavoro a Follo al mattino alle 10 e al pomeriggio alle 15.