La Spezia, 1 febbraio 2018 - Tre acquisti e nove cessioni: questi i movimenti operati dallo Spezia Calcio 1906 nel mercato di gennaio appena concluso. Alla corte di Fabio Gallo sono arrivati giocatori di assoluto valore quali i centrocampisti Luca Mora (dalla Spal), Alberto De Francesco (dalla Reggina) e l'attaccante Raffaele Palladino (dal Genoa). Innesti che hanno elevato il livello qualitativo della rosa aquilotta, dando più possibilità di scelta al tecnico di Bollate, anche per possibili varianti tattiche in corso d'opera. Tre 'perle' che il presidente onorario Gabriele Volpi ha regalato al team aquilotto, nel segno di un rinnovato entusiasmo ben testimoniato dalla sua presenza in occasione del match Spezia-Palermo. Il direttore sportivo Gianluca Andrissi, in sintonia con il presidente Stefano Chisoli e l'amministratore delegato Luigi Micheli, hanno sfoltito l'organico con i trasferimenti in prestito dei centrocampisti Gennaro Acampora alla Virtus Entella e Luca Vignali alla Reggiana, degli attaccanti Irakli Shekiladze alla Lucchese e David Okereke al Cosenza, del portiere Thomas Saloni alla Virtus Francavilla.

Ceduti a titolo definitivo il difensore Niko Datkovic al Cracovia in Polonia e, nell'ultimo giorno di mercato, il talentuoso giovane difensore Antonio Candela al Genoa. Un'operazione quest'ultima che determinerà nel bilancio del club di via Melara un'importante plusvalenza. Il club rossoblù si è aggiudicato il Nazionale Under 19, classe 2000, battendo la concorrenza del Sassuolo dell'ex direttore sportivo aquilotto Guido Angelozzi. Rientrati poi alla Roma, per fine prestito anticipato, il difensore Arturo Calabresi (dirottato poi al Foggia) e l'attaccante Edoardo Soleri (passato all'Almeyra). Resta, invece, l'attaccante Yuri Cisotti per il quale si era fatto avanti il Bassano ed è tornato per fine prestito anticipato dalla Juve Stabia il centrocampista Awua che verrà impiegato nella formazione Primavera, alle prese con l'imminente Torneo di Viareggio. Nel mezzo anche i rinnovi dei contratti del portiere Nicolò Manfredini fino a giugno 2019, dell'attaccante Giuseppe Mastinu fino a giugno 2020 e del difensore spezzino Pietro Ceccaroni fino a giugno 2021. Nulla da fare per l'arrivo di un difensore destro e, eventualmente, di un attaccante, entrambi under, perché il mercato non ha fornito soluzioni ritenute convenienti. La rosa a disposizione del tecnico Gallo è ora competitiva per raggiungere il primario traguardo della salvezza e subito dopo i play-off. Un obiettivo quest'ultimo alla portata dello Spezia.