La Spezia, 14 novembre 2017 - Prime parole da aquilotto per il portiere Nicolò Manfredini, presentato dal club bianco al centro sportivo 'Ferdeghini': ''Sabato scorso - ha spiegato l'ex estremo difensore del Modena - ero al cinema con la mia ragazza, quando ho ricevuto la telefonata del mio procuratore che mi informava della proposta dello Spezia. Non ci ho pensato un attimo, ho subito accettato. Sono molto felice, per me è una grande occasione, devo ancora realizzare quanto accaduto. La chiamata dello Spezia è la dimostrazione che il lavoro paga sempre e le occasioni vengono da sé. Spero di dare una mano alla squadra ed ho naturalmente molto entusiasmo visto che giocherò in una piazza importante come quella spezzina. Ritengo che lo Spezia non meriti una classifica come quella attuale e penso che abbia i mezzi per risollevarsi''. A margine, il ds Gianluca Andrissi ha precisato: ''Siamo contenti di avere con noi un ragazzo come Manfredini che seguo da anni. Ha 29 anni ed è nel pieno della maturità calcistica''. D'obbligo poi un passaggio sulle possibili operazioni di mercato a gennaio: ''Dopo gli acquisti di Gilardino e Ammari - ha chiarito l'operatore di mercato aquilotto - abbiamo ancora un posto in lista A. La nostra rosa è, comunque, completa in tutti i reparti. Maggiore? Nessuno ce lo ha chiesto, anche se interessa a parecchi. Ovvio che, in prossimità del mercato, qualche giocatore che gioca meno ci potrà chiedere di essere ceduto. Abbiamo tanti centrali fortissimi, se il sistema di gioco resterà il 4-3-1-2 faremo le debite valutazioni. Speriamo poi che Juande torni presto ad allenarsi con noi''. Infine, un ringraziamento ai supporter aquilotti: ''Grazie di cuore per il loro sostegno nelle gare contro l'Empoli e il Frosinone. Per noi il loro apporto è determinante''.