Brescia, 18 novembre 2017 – Terzo 1-1 consecutivo (e quarto pareggio di fila) per lo Spezia che impatta a Brescia in rimonta nel quindicesimo turno stagionale. Rimanda ancora una volta l’appuntamento col primo successo esterno il team guidato da Fabio Gallo che va sotto nel secondo tempo con il 127° gol in Serie B di Andrea Caracciolo (ottavo stagionale) e rimedia cinque minuti più tardi con il neoentrato Ammari. In mezzo anche un palo colpito da Lopez (involontariamente) e una supremazia, almeno nelle conclusioni verso la porta avversaria, dei liguri.

Tutto come da previsioni nella formazione dello Spezia con il solito cambio in trasferta tra Maggiore e Vignali a centrocampo, poi il trequartista Mastinu dietro alle due punte Gilardino e Granoche. Dall’altra parte Pasquale Marino si affida al bomber Andrea Caracciolo, alle qualità di Bisoli e al talentuoso Machin.

Partenza soft da parte di entrambe le squadre. La prima fiammata al 12’ con Gilardino che spizzica di testa su un tiro cross dalla trequarti di De Col, con palla che schizza in terra, ma non trova impreparato Minelli. Tre minuti dopo un brutto scontro tra Mastinu e Martinelli che involontariamente incocciano con la testa: lo spezzino si ritrova con la testa fasciata, l’avversario uscirà poi neanche un quarto d’ora più tardi. Guadagna una punizione da una trentina di metri il molto mobile Gilardino: alla battuta Giani al 20’ che supera la barriera ma Minelli para facile centralmente. La grande occasione capita allo Spezia al 24’: sponda di Gilardino di testa per Granoche che scarica il suo destro a botta sicura, ma Minelli compie un grande intervento e respinge a mano aperta.  È costretto a cambiare un altro giocatore al 38’ il mister Marino: Somma per un problema muscolare, lascia il posto a Coppolaro. Il primo tempo si chiude con tre minuti di recupero.

Nella ripresa ripartono gli stessi ventidue e gli aquilotti arrivano al tiro con Vignali dal limite su assist di Gilardino ad uscire, ma il diagonale va sul fondo (3’). Poi il Brescia inizia a far sua la gara, con maggiore pressione, così Caracciolo al 9’, controlla e tira, ma fuori dallo specchio. A sorpresa, però, lo Spezia colpisce un palo con Lopez direttamente con un cross dalla fascia sinistra: palla che rimbalza sul legno interno alla sinistra di Minelli e torna in campo. In vantaggio ci vanno i padroni di casa con il solito Caracciolo che al 27’ tocca di testa, lasciato libero da Capelli, nell’angolino alla destra di Manfredini (dove non può arrivare) sul cross dalla sinistra di Cancellotti. È l’1-0.

Si rialza subito lo Spezia che al 30’ porta Pessina al tiro dal limite (Minelli blocca sicuro), poi al 33’ raggiunge il pareggio: cross dalla trequarti di De Col e respinta fuori area del portiere raccolta da Ammari, stop e tiro di destro per l’1-1. Quando il Brescia rimane in dieci per l’espulsione per doppia ammonizione di Dall’Oglio, ti aspetti una grande reazione dello Spezia alla ricerca del gol della vittoria e invece nulla, gli aquilotti anzi subiscono la grinta dei lombardi chiudendo in difesa la loro gara.

Nella prossima sfida al Picco lo Spezia affronterà il Pescara.

Brescia-Spezia 1-1 (pt 0-0)

BRESCIA (3-4-2-1): Minelli; Somma (38’ st Coppolaro), Gastaldello, E. Lancini; Cancellotti, Bisoli, Martinelli (28’ pt Dall’Oglio), Longhi; Machin (40’ st Di Santantonio), Furlan; Caracciolo. A disp. Andrenacci, Pelagotti, Torregrossa, N. Lancini, Ferrante, Ndoj, Cortesi, Bagadur, Rivas. All. Marino.

SPEZIA (4-3-1-2): Manfredini; De Col, Capelli, Giani, Lopez; Vignali (28’ st Ammari), Bolzoni (15’ st Maggiore), Pessina; Mastinu; Gilardino, Granoche (15’ st Marilungo). A disp. Saloni, Ceccaroni, Forte, Soleri, Augello, Calabresi, Okereke, Masi, Giuliani. All. Gallo.

Arbitro: Di Martino di Teramo (Soricaro di Barletta e Vecchi di Lamezia Terme; quarto uomo Cipriani di Empoli).

Marcatori: 27’st Caracciolo (B), 33’ st Ammari (S).

Note: spettatori circa 6mila. Espulso Dall’Oglio al 39’ per doppia ammonizione. Ammoniti Giani, Cancellotti, De Col, Marilungo. Tiri in porta 1-6. Tiri fuori 4-2. In fuorigioco 2-2. Angoli 5-3. Recuperi 3’ pt e 3’ st.