Grosseto, 17 gennaio 2018 - Più che un hobby, uno sport vero e proprio. Più che un sogno, un obbiettivo serio e concreto. Domani inizia l'avventura di Francesca Rubegni in Cina, dove la surfista di Grosseto proverà l'assalto al titolo mondiale nel campionato mondiale a squadre di surf che si svolgerà nelle acque di Ryue Bay, nell'isola di Hainan.

Le onde del mare tra la Cina e il Vietnam sarà quindi il palcoscenico giusto per la trentaseienne maremmana che arriva a questa competizione con l'esperienza giusta, e soprattutto tanta grinta. "Parto con ambizioni importanti – racconta Francesca -, voglio arrivare in alto. Ma essendo un campionato a squadre farà fede il punteggio di tutti. Sono consapevole delle mie potenzialità, conosco le mie avversarie, le ho già affrontate. Spero di fare bene. Parto convinta per la Cina". La Cina attende la surfista grossetana, che nella via di tutti i giorni fa l'insegnante all'istituto scolastico di primo grado di Porto Santo Stefano, mentre in estate svolge anche il mestiere di guida ambientale ed assistente bagnante. Il surf potrebbe essere un hobby, ma non è così. "E' uno sport che faccio seriamente a livello agonistico – spiega -. Per quanto sia una disciplina di nicchia, mi alleno tutti i giorni, in acqua ed in palestra".

E i risultati infatti sono dalla sua parte. Dodici volte campionessa italiana di longboard (tavola da nove metri), Francesca Rubegni da domani cavalcherà le onde del mare asiatico con in testa il chiodo fisso del successo. Dopo il quinto posto alla Words Surfint League del 2017, lo scorso ottobre in Sardegna si è qualificata per i Mondiali. "Avevo puntato tutto sull'Europeo – dice ancora -, poi in Sardegna ho ottenuto la qualificazione per il mondiale. E' la mia prima volta. Partiremo con le batterie, il punteggio viene dato da una giuria in base alle manovre che facciamo sull'onda". Francesca si allena da sola, ma fa parte di un team sardo che la supporta, così come la Nazionale. "Pratico questo sport da 20 anni – dice -, mi alleno all'Argentario, ma anche a Rosignano ed all'estero quando posso. In palestra ed in acqua. Tutto grazie al supporto di sponsor come Selin per l'ambiente, Redz Surfboards Italy, Surf to Live e RRD".