Grosseto, 3 dicembre 2017 - Il Comune di Grosseto concede in gestione ed uso alla società Asd Pallavolo Grosseto 1978 l'impianto sportivo Palazzetto Volley di piazza Atleti azzurri d'Italia fino a giugno 2018. La struttura – come si legge nella delibera della giunta guidata da Antonfrancesco Vivarelli Colonna – sarà regolarmente utilizzata dalle altre società di pallavolo (Invicta volleyball e Grosseto volley) per lo svolgimento dell'attività sportiva, con regole ed orari concordati con l'Amministrazione comunale. Ogni società che usufruisce di quegli spazi provvederà a individuare e comunicare al Comune di Grosseto un proprio responsabile che si occupi di aprire e chiudere il palazzetto per gli allenamenti e le partite, che si assicuri del corretto comportamento degli addetti ai lavori, verificando anche l'accensione e lo spegnimento di luci e riscaldamento. Le tariffe per l'utilizzo del palazzetto vengono stabilite in 9 euro all'ora, 27 per lo svolgimento delle partite e 55 per l'intera giornata (Iva esclusa) e dovranno essere versate al soggetto gestore con almeno un mese di anticipo. Per l'uso del riscaldamento della sala-competizione la tariffa oraria è invece di 15 euro. Sempre il soggetto gestore – che dovrà mantenere tra le altre cose la struttura pulita - si occuperà del pagamento delle utenze, di eventuali volture e della manutenzione ordinaria. L'Amministrazione comunale provvederà al rimborso delle spese per le utenze e/o i lavori di manutenzione fino a un massimo di 10mila euro. “E' questa la soluzione che abbiamo individuato per la gestione del Palazzetto Volley di piazza Atleti azzurri d'Italia – dicono il sindaco Antonfrancesco Vivarelli Colonna e l'assessore allo Sport del Comune di Grosseto Fabrizio Rossi -. E' il frutto di un confronto con tutte le società di volley che, assieme all'Amministrazione comunale, hanno individuato una soluzione che mettesse tutti d'accordo per il periodo che va fino al giugno 2018. Una sinergia che ha messo fine ad anni di molteplici polemiche e che, ci auguriamo, possa portare ad una crescita di livello del movimento della pallavolo, fino ad un salto di categoria importante. Dopodiché verificheremo quanto è stato fatto, opportunità e criticità, e decideremo quale soluzione adottare per il futuro”.