Grosseto, 3 febbraio 2018 - Una sfida non impossibile, una corsa alla salvezza fattibile. Il Gavorrano è atteso da quindici battaglie per provare a salvarsi in una serie C che va a mille all'ora. Domenica allo Zecchini di Grosseto c'è la sfida col Prato, con le due formazioni ultime a pari merito, e che sarà un bivio decisivo per entrambe.

Gavorrano che arriva a questa sfida dopo la bella prova di Siena, ed un punto che oltre a fare classifica ha fatto morale. Un pari giunto anche grazie all'apporto dei nuovi arrivati, tra cui Domenico Marchetti, difensore del 1990, che ha guidato la difesa rossoblù e che sarà al centro del reparto anche domenica.

“Abbiamo accettato una sfida non impossibile – ha detto Marchetti in vista del match col Prato -, servirà però lavorare tanto. Sappiamo che non sarà facile, ma con lavoro e con l'unità ce la possiamo fare. Ci attendo quindici battaglie”. Marchetti è uno dei volti nuovi del mercato. Cresciuto nella Fiorentina, ha fatto carriera in giro per la serie C. Dopo essersi svincolato dal Catanzaro ha firmato con i maremmani. “Cercheremo di dare il massimo – precisa il difensore -, come abbiamo fatto a Siena. Negli ultimi giorni sono arrivati tanti ragazzi a darci una mano. Possiamo farcela”.

Domenica scorsa a Siena il Gavorrano è sembrato vivo, dopo domani allo Zecchini servirà vedere la stessa squadra, perché il Prato verrà a Grosseto per vincere. Ieri ha salutato Gavorrano Riccardo Cretella. Al fotofinish la società ha scambiato il difensore grossetano con l'attaccante Riccardo Barbuti, classe 1992, attaccante, proveniente dal Teramo. Entrambe le operazioni sono effettuate con la formula del prestito con diritto di riscatto.