Grosseto, 11 ottobre 2017 - Due rinforzi subito. O quasi. Non c'è tempo da perdere per il Gavorrano. I minerari, ultimi in classifica dopo 7 turni con ancora zero punti, ieri hanno ripreso gli allenamenti con una doppia seduta. Mattina e pomeriggio al Malservisi-Matteini, agli ordini del neo tecnico, che per adesso è apparso un martello. Favarin ha infatti “picchiato” duro nei suoi primi giorni di allenamenti in rossoblù, per cercare di scuotere una squadra che pare il fantasma di quello dello scorso anno. Con Favarin adesso tutti rischiano il posto da titolare, nessuno potrò avere una maglia senza sudare. L'ex tecnico della Fidelis Andria ha le idee chiare, ma ha anche chiesto rinforzi. Il direttore generale Filippo Vetrini sta lavorando in questi giorni su due fronti. In arrivo ci sono almeno due elementi di esperienza. Un difensore ed un centrocampista. La giovane età della rosa, e la circostanza – non di poco conto – che quasi nessuno finora aveva fatto la serie C sono situazioni che iniziano a pesare. Il Gavorrano sta trattando in queste ore con due giocatori. Una è una vecchia conoscenza del Grosseto, si tratta di Leandro Vitiello, centrocampista a tutto campo del 1985 che, dopo la stagione scorsa in serie C ad Ancora è rimasto senza squadra. Vitiello, oltre cento presenze in serie B (tre anni a Grosseto) ed altrettante in serie C, è un centrocampista che può portare muscoli, carisma, grinta e personalità in una mediana orfana di tali caratteristiche. L'altro nome nel taccuino di Vetrini è quello di Matteo Gentili, difensore del 19189, un metro e novanta, svincolato dopo aver giocato l'ultimo anno 9 volte in C con la Carrarese. Difensore solido, con un passato fatto anche di serie B (Vicenza e Reggina), che potrebbe portare esperienza e forza in un reparto che ultimamente ha fatto acqua da tutte le parti.