Grosseto, 9 maggio 2017 - Il negozio di vicinato destinato a soccombere allo strapotere dei colossi dello shopping online? Neanche per sogno. Ieri mattina in Banca Tema, Ascom Confcommercio ha fornito ad associati e non solo il «kit» di sopravvivenza. Un vademecum di consigli e di regole da seguire non solo per resistere nell’era di internet, ma addirittura per incrementare il proprio fatturato. Perché lo shopping online avrà pure punti di forza, ma come in tutte le cose ha anche elementi di debolezza. E non sono pochi.

«Gestire un negozio è sicuramente una sfida complessa, anche se, ed è un paradosso solo apparente, sono le grandi superfici, i temibili concorrenti di ieri, a soffrire maggiormente i nuovi concorrenti online di oggi e di domani. Vi spiegheremo come un negozio indipendente può giocare una partita diversa e ritagliarsi il suo spazio, in certi casi di enorme successo, anche nell’era di Internet». Così ha esordito Fabio Fulvio, responsabile Settore politiche per lo sviluppo Confcommercio Imprese per l’Italia, all’incontro di ieri mattina organizzato da Ascom Confcommercio. Un centinaio i presenti. Fulvio ha illustrato sia le strategie offline (cosa fare nel negozio) che quelle online (cosa fare sul web) che un esercizio dovrebbe mettere in atto per esaltare l’esperienza di acquisto dei propri clienti. Contenuti, questi, approfonditi nel volume della Collana Le Bussole di Confcommercio «Il negozio nell’era di Internet», ideata dallo stesso Fabio Fulvio, che ha dato il titolo all’incontro.

Carla Palmieri e Gabriella Orlando, presidente e direttore di Confcommercio Grosseto, hanno teso la mano al mondo della piccola imprenditoria locale. «L’invito che facciamo – hanno detto – è di abbracciare ed anzi di cavalcare l’onda del cambiamento, senza paura né timori. Il supporto necessario lo troverete in associazione, dove abbiamo aperto uno sportello dedicato alla consulenza sulla digitalizzazione». Non solo, Confcommercio Grosseto ha colto l’occasione del seminario per chiedere agli imprenditori una manifestazione d’interesse verso corsi di formazione specifici. L’associazione, intanto, ha annunciato di portare in città uno dei roadshow più richiesti nel nostro paese, ovvero il corso sul «Come vendere su eBay», nato dalla collaborazione tra eBay Italia e Confcommercio Imprese per l’Italia. Nel suo intervento, poi, Carlo Vivarelli, account director della + Communication, ha focalizzato l’attenzione sull’importanza di costruire relazioni stabili e durevoli con i clienti ai fini di esprimere al massimo la potenzialità di business dell’esercizio commerciale ed «offrire un’esperienza di acquisto unica ed irripetibile per il cliente». A seguire, è stato Diego Capani, web specialist dello Studio Wabbit, a spiegare che «anche per una piccola impresa o per un professionista è importante essere presente sul web, perché altrimenti si perde un vantaggio strategico e competitivo che altri, invece, possono sfruttare».