Grosseto, 17 giugno 2017 - Di questo passo il 2017 sarà ricordato come l'anno più “infuocato” degli ultimi decenni per la provincia di Grosseto. Da gennaio ad oggi infatti sono già 168 gli interventi dei vigili del fuoco sul territorio provinciale a causa degli incendi. Siamo a metà giugno, l'estate è prepotentemente arrivata anche in Maremma, e con lei anche il tanto temuto rischio incendi. Tirando un bilancio infatti, da gennaio ad oggi il comando provinciale dei vigili del fuoco è già intervenuto 168 volte per spegnere fiamme, roghi, fuochi e per bonificare le aree devastate dagli incendi.

Dei 168 interventi finora registrati, il grosso è stato domato dai vigili del fuoco di Grosseto, seguiti poi dai distaccamenti provinciali. Questi gli interventi sede per sede: da Grosseto 67 interventi, da Arcidosso 26, da Follonica 25, da Orbetello 30, da Scansano 19, da Manciano 1. Tra le cause che hanno dato vita alle fiamme spiccano molti casi che non sono stati accertati, ma anche 26 volte per colpa di mozziconi di sigaretta, 4 per dolo e 13 per colpa delle persone. Dettagliatamente questi sono i dati relativi alle cause scatenanti gli incendi da gennaio ad oggi: 74 non sono state accertate, 1 reazione chimica, 1 autocombustione, 4 probabilmente dovuti a dolo, 13 probabilmente per colpa delle persone, 1 scintilla, 26 mozziconi di sigaretta, 5 faville generale da corpi metallici, 2 cause impreviste, 1 causa elettrica, 40 altre cause. Ad essere colpite maggiormente sono poi state le zone di campagna, con i campi coltivati, i boschi e le strade extraurbane. Questi i luoghi dove finora si sono verificati gli incendi da inizio anno: 1 edificio in genere, 23 zone rurali, 47 campi, 31 boschi, 7 strade o piazze, 27 strade extraurbane, 5 sedi ferroviarie, 2 zone costiere, 1 chiese o luoghi di culto, 1 campo nomadi, 7 zone alberata, 1 stazione ferroviaria, 5 altri. Sono le sterpaglie le sostanze che bruciando, hanno creato maggiori incendi in provincia di Grosseto. Queste le statistiche: 99 sterpaglie, 4 legno o sughero, 2 rifiuti, 2 non considerato, 4 fieno, paglia e similari, 7 piantagioni in generale, 9 alberi, 8 arbusti o macchia mediterranea, 23 altri. Ed intanto anche ieri si sono registrati altri due incendi nel territorio provinciale: a La Selva ed a Civitella Marittima.

In località Aratrice, tra Roccastrada e Civitella Marittima le fiamme si sono sviluppate in un'azienda agricola a metà mattinata. Dopo alcune ore i vigili del fuoco, impegnati con due squadre ed una del soup, hanno spento le fiamme. In località La Selva è invece partito in incendio sotto ad un traliccio dell'alta tensione che ha rischiato di propagarsi nel vicino bosco.