Grosseto, 8 febbraio 2018 - Salgono a tre le famiglie che hanno visto andare in fumo oltre la metà dei loro risparmi che, a Grosseto, si sono rivolte alla Confconsumatori. Si tratta di investimenti ragguardevoli che oscillano tra i 50 e 250 mila euro (per complessivi 450 mila euro) in quanto si trattava di titoli emessi in Lussemburgo per investitori istituzionali con un taglio minimo da 50 mila euro. 

"Titoli -  scrive Confconsumatori - che non dovevano finire nel portafoglio delle famiglie e che sono stati dimenticati dal Mef nell’operazione di salvataggio. Tra l’altro si tratta di persone anziane (anche 85 enni) assolutamente avulse alla speculazione finanziaria anzi, in un caso, al primo investimento della vita per i quali i dipendenti della Banca hanno consigliato subordinate (titoli complessi ed illiquidi) che non erano destinati - in fase di emissione- alla clientela retail (comune)".

Oltre all’assistenza nella mediazione la Confconsumatori, sia a livello grossetano che nazionale, sta predisponendo una richiesta di intervento urgente al Ministro dell’Economia, visto che questi soggetti sono stati penalizzati da una conversione in azioni che ha fatto concretizzare una perdita di oltre il 50%. Gli ulteriori interessati possono telefonare all’apposito numero 328,7958074 ovvero inviare una mail all’indirizzo toscana@confconsumatori.it