Grosseto, 27 settembre 2017 - La 34esima edizione del Mercatino dei Ragazzi arriva nel centro di Grosseto sabato 30 settembre e domenica primo ottobre per una due giorni dedicata alla raccolta fondi da destinare all'ospedale Misericordia di Grosseto. Il Comitato in questi mesi è stato attivissimo. A inizio dell'anno ha donato, con la raccolta fondi 2016, più di 600 mila euro all'ospedale grossetano, sono aumentate le iniziative e il coinvolgimento delle persone e già sono in programma eventi per il 2018 che segnerà i 35 anni di vita dell'associazione. E' gia partita infatti la campagna di social #conilcuoreinmano che propone un'azione virale per promuovere il Comitato e invitare ad avvicinarsi alle attività di volontariato.

Dal 1983 a oggi sono stati raccolti 5 milioni di euro attraverso l'organizzazione di tantissime iniziative la più rappresentativa delle quali è senza dubbio il Mercatino: una grande festa della città che vede proprio nei più giovani i protagonisti assoluti. Sono i ragazzi da 5 a 13 anni impegnati a vendere qualsiasi genere di merce, giocattoli, figurine, francobolli, giornalini, cartoline, vestiti, chincaglierie e cose simili. L’incasso sarà devoluto al Comitato per la Vita onlus. Lo scorso anno l’incasso del Mercatino è stato di 86,299,17 euro; 210 i banchini e 860 i bambini coinvolti. E quest’anno l’obiettivo è ambizioso: l'acquisto di una macchina che sarà utile a evidenziare nelle cellule malate alterazioni geniche che le rendono resistenti al trattamento farmacologico. Il nome è complesso: sistema droplet digital PCR per analisi del DNA circolante compreso di implementazione microscopio Fish da donare all'unità operativa di biologia molecolare e genetica dell'ospedale Misericordia di Grosseto.

Attualmente questa macchina è disponibile a Pisa. Il valore dello strumento è di 160 mila euro, quindi c'è bisogno di un grande risultato per questa edizione del Mercatino.

Dice Enrica Tognazzi, presidente del Comitato per la Vita: “Da 34 anni questo è il nostro obiettivo. Era il 29 marzo 1983 quando a Grosseto nasceva il Comitato per la Vita. I soci fondatori erano dodici donne e uomini spinti dal desiderio di aiutare i malati oncologici a curarsi nella propria città. Avevamo un sogno, quello di creare condizioni di vita migliori per chi doveva affrontare la malattia e per le famiglie costrette spesso a lunghi e dolorosi viaggi della speranza lontano da casa. Negli anni, l'affetto nei confronti del Comitato è stato travolgente. Per realizzare il nostro Mercatino dobbiamo dire grazie a chi ci è a fianco. Un grazie immenso va ai ragazzi, alle famiglie, a tutta la struttura del Comitato per la Vita che ho l’onore di presiedere e a tutti i volontari senza i quali nulla sarebbe possibile. Abbiamo fatto tanto, abbiamo raccolto più di cinque milioni di euro da quando è nato il Comitato, abbiamo contribuito all’acquisto di macchinari importanti e strutture di accoglienza all’ospedale Misericordia di Grosseto. In più di trenta anni di attività non sono venuti meno passione, entusiasmo, determinazione. Sappiamo che solo tutti insieme potremo rendere la vita più dura al tumore e per questo il grazie più grande va a tutti i grossetani che da sempre ci sono vicini e partecipano alle nostre iniziative".