Notizie Grosseto
 TV   FOTO E VIDEO BLOG SERVIZI LAVORO ANNUNCI CASA
SANITA'

Asl, prevenzione per la scabbia
Controlli su pazienti, medici e infermieri

L’Asl ha deciso di estendere a tutto il personale del reparto di medicina generale, medici e infermieri, la possibilità di sottoporsi alla profilassi contro la scabbia, dopo il caso dell’anziano al quale è stata riscontrata l’infezione

Dimensione testo Testo molto piccolo Testo piccolo Testo normale Testo grande Testo molto grande

Grosseto, 16 aprile 2009 - L’Asl ha deciso di estendere a tutto il personale del reparto di medicina generale, medici e infermieri, la possibilità di sottoporsi alla profilassi contro la scabbia, dopo il caso dell’anziano al quale è stata riscontrata l’infezione. Il grossetano era stato ricoverato il 4 marzo, dimesso circa dieci giorni dopo e successivamente ricoverato di nuovo per altri accertamenti, ma a Siena. E proprio alle Scotte gli è stata diagnosticata la scabbia. Così sono scattati al Misericordia gli accertamenti previsti, nel corso dei quali un medico e due infermieri sono stati trovati positivi.

 

Questo ha convinto la direzione sanitaria a estendere a tutto il personale del reparto i prossimi accertamenti. Sono circa trentacinque, tra medici e infermieri, ma soltanto chi tra loro ha avuto contatti con il paziente può tutelarsi con la cosiddetta ‘profilassi’. Che in realtà è una pomata da utilizzare due volte, con un intervallo di ventiquattr’ore, e che è efficace nel 98 per cento dei casi. Come assicura il primario di dermatologia, Riccardo Sirna, per l’altro due per cento “si prevede un altro trattamento, risolutivo”.

 

Sul fronte dei pazienti, invece, circa trenta persone che hanno frequentato il reparto nel periodo in cui l’anziano è stato ricoverato, ancora non c’è stata alcuna segnalazione di infezione conclamata. La scabbia del resto può rimanere diverse settimane in incubazione, ed era questo probabilmente lo stato con il quale l’anziano è stato ricoverato la prima volta, a Grosseto. Poi si manifesta con un prurito sempre più insistente e fastidioso, soprattutto nelle ore notturne. E di solito è a questo punto, quando la persona che l’ha contratta si sottopone agli accertamenti previsti, che viene diagnosticata l’infezione.

 

Dall’azienda sanitaria hanno comunque scelto la via dello scrupolo. Per togliere ogni dubbio la profilassi è infatti estesa a tutti coloro che sono entrati in contatto con il paziente. E invitano tutti a rimanere tranquilli. Non si tratta di un’infezione comune, ci sono pochi casi all’anno, ma negli ultimi tempi questi sembrano in aumento. I motivi possono essere molteplici, non ultimi i maggiori scambi con l’estero. Se poi una persona la contrae, è probabile che attraverso gli acari la «passi» al resto del nucleo familiare. Del resto gli acari non sono visibili e la diagnosi avviene soltanto attraverso il microscopio, quando l’infezione è però ormai diventata «fastidiosa» ed è quindi presente, in incubazione, già da settimane.










Se il codice risultasse illeggibile CLICCA QUI per generarne un altro

 

LA FOTO DEL GIORNO

Carlo Monni

Carlo Monni alla
Festa di Primavera

Domenica 19 aprile Carlo Monni parteciperà alla Festa di Primavera, a Pian di Rocca in Castiglione della Pescaia. Si esibirà con un monologo e con lo show  "Nottecampana", viaggio poetico musicale tra Campi Bisenzio e Marradi, un viaggio nella letteratura con le storie comiche di Monni