Firenze, 24 dicembre 2017 -  «Sicuramente fa specie, non siamo abituati a giocare durante le feste natalizie. Sono curioso di vedere soprattutto l'affluenza di pubblico che ci sarà in Coppa Italia». Anche l'allenatore della Fiorentina Stefano Pioli, in un'intervista al sito 'Violachannel.tv', non riesce a nascondere la sua curiosità per queste vacanze/non vacanze, consapevole che per la sua squadra la gara contro la Lazio in programma per Santo Stefano a Roma, «sarà una partita importante: abbiamo voluto fortemente passare il turno contro la Sampdoria. Stiamo attraversando un momento positivo, chiudiamo per un attimo la parentesi campionato per tuffarci con molta energia in questi quarti di finale difficili ma in cui la squadra dovrà provarci».

In gioco c'è la semifinale di Coppa Italia e la Fiorentina arriva alla sfida contro i biancocelesti con l'entusiasmo della vittoria di Cagliari, anche se qualche cambio di formazione è certo: «Sicuramente martedì giocherà ancora Dragowski, è un portiere pronto, forte, che si sta allenando bene. Abbiamo tutti portieri di ottimo livello, toccherà a lui. A Cagliari abbiamo speso tanto, è stata una trasferta impegnativa, siamo tornati alle 5 di mattino. Sicuramente qualche cambiamento di formazione ci sarà, per avere soprattutto energie e freschezza - ha sottolineato il tecnico -.

Dovremo giocare un calcio intenso a livello fisico, contro una squadra molto forte tecnicamente e fisicamente come la Lazio». Pioli si attende cambiamenti anche da parte del suo collega Inzaghi: «Loro hanno giocato nell'ultimo turno di campionato in casa contro il Crotone, Inzaghi ha cambiato qualche elemento facendo riposare alcuni titolari. Sicuramente qualche cambiamento ci sarà, magari nel soggetto ma non nel collettivo. La Lazio gioca con tanti giocatori offensivi, una squadra completa: ha presenza sul campo, ha spessore, qualità e fisico. Ci sarà da fare una prestazione importante. Ci arriviamo bene, dovremo fare una partita di attenzione e lucidità, soprattutto con personalità».