Firenze, 11 gennaio 2017 - Una partita non entusiasmante decisa all'ultimo respiro da Bernardeschi su rigore: la Fiorentina elimina il Chievo e vola ai quarti di finale di Coppa Italia dove sfiderà il Napoli.

Risultato tutto sommato giusto, successo comunque sofferto per i viola che in avvio di ripresa hanno avuto il momento migliore in un pomeriggio gelido e per pochi intimi, i coraggiosi 6mila 477 paganti.

Sono arrivate nel finale anche le uniche emozioni vere tra Fiorentina e Chievo nei primi 45 minuti: in pieno recupero seconda ammonizione ed espulsione di Radovanovic (e i veneti restano in dieci) e traversa di Bernardeschi su punizione. Per il resto, nel gelo di uno stadio semideserto, il primo tempo scorre via abbastanza noioso. Poi, un avvio scoppiettante di ripresa con i viola vicini al gol soprattutto con Kalinic che si è divorato un gol che sembrava fatto e una discutibile espulsione di Zarate. A evitare l'incubo supplementari arriva il rigore decisivo.

In avvio di gara Sousa punta su uno schieramento molto offensivo con Kalinic e Zarate in attacco, supportati da Bernardeschi e Chiesa.Viola subito vicini al gol al 2' con una bella azione di Bernardeschi sulla sinistra, palla al centro per  Kalinic che appoggia indietro per Zarate e conclusione fuori di poco dell'argentino.

Al 10' un pasticcio difensivo viola (ma anche un fallo non fischiato ai danni di Sanchez) mette Floro Flores in condizione di essere pericoloso, ma tira alto.I viola faticano a trovare spazi, anche perché il ritrmo non è elevatissimo, e al 19' rischiano ancora con un'uscita sbagliata di Tatarusanu che Inglese non sfrutta tirando fuori.

La gara scorre senza particolari emozioni: troppo compassato il ritmo dei viola, troppi errori anche da giocatori importanti (come Vecino), nessun pericolo vero per Sorrentino (stranamente nervoso). In pieno recupero la prima svolta del match: Radovanovic (già ammonito e graziato in altre occasioni dall'arbitro Celi, abbatte Tomovic sulla destra e prende il secondo giallo. Espulsione e punizione per i viola con bellissima esecuzione di Bernardeschi che coglie la traversa.

Maran si copre e nella ripresa toglie Floro Flores e inserisce l'ex viola Gamberini. L'avvio della ripresa è tuttto viola con Sorrentino costretto a deviare su tiri  di Vecino e Bernardeschi, salvato da Spolli per due volte sulla linea (una per pochi centimetri) e graziato da Kalinic che si divora un gol clamoroso. 

La spinta offensiva dei viola, però, non dura molto e tornano errori e imprecisioni del primo tempo. Poi al 26' arriva un'affrettata espulsione di Zarate per un intervento da dietro per nulla cattivo e, al massimo, meritevole del cartellino giallo. Passano tre minuti e i viola rischiano su colpo di testa di Castro, con grande parata di Tatarusanu.  

La svolta decisiva ancora nel recupero: mischia in area veneta, intervento di Gobbi su Bernardeschi, rigore (molto contestato) che lo stesso Bernardeschi realizza. 

Per quanto riguarda il mercato sembra quasi fatta per l'arrivo in viola del portiere Sportiello dall'Atalanta. Potrebbe sostenere le visite mediche per il club gigliato già nei prossimi giorni.

Il tabellino:

Fiorentina (3-4-2-1): Tatarusanu;  Tomovic, Sanchez, De Maio; Chiesa (44' st Borja Valero), Vecino, Badelj (33' st Cristoforo), Olivera (33' st Ilicic);  Zarate, Bernardeschi; Kalinic. All. Sousa 

Chievo (4-3-1-2): Sorrentino; Izco, Spolli, Cesar, Gobbi; Castro (36' st Birsa), Radovanovic, Bastien; De Guzman; Inglese (33' st Meggiorini), Floro Flores (1' st Gamberini). All. Maran

Arbitro: Celi di Bari

Rete: 47' st Bernardeschi (rigore)

Note: espulsi Radovanovic e Zarate; ammoniti Radovanovic, Castro, Vecino, Badelj, Kalinic, Gobbi

Segui la partita anche con la nostra diretta twitter con hashtag #FiorentinaNazione