Bologna, 4 febbraio 2018 -  Dopo il disastro contro il Verona, la Fiorentina risponde alle sollecitazioni dei tifosi e alla carica dei fratelli Della Valle (il blitz nel ritiro di Diego e Andrea ha dato la scossa giusta)  e vince a Bologna una gara delicata. La firma sul successo viola (il primo del 2018) è quella di Federico Chiesa che decide la gara con un gioiello dei suoi. La gara dei viola non è entusiasmante ma il risultato è giusto perché la squadra di Pioli ci prova di più ed è più offensiva. 

La partita passerà alla storia non certo per la qualità del gioco, ma per il botta e risposta di gol su calcio d'angolo che segna il primo tempo del derby dell'Appennino, con gravi responsabilità dei portieri.

Il gol decisivo arriva al 26' della ripresa: Chiesa porta in vantaggio la Fiorentina con uno spunto di classe, dribbling, finta e tiro vincente in area di rigore. Al 29' della ripresa, però. grosso rioschio su palla persa da Badelj (non in giornata) con Palacio che tira fuori da ottima posizione. Poi, davvero poco da segnalare con il Bologna mai pericoloso in attacco e i viola che controllano. 

Dopo una fase di studio, botta e risposta tra Bologna e Fiorentina intorno al quarto d'ora: al 14' rossoblù vicini al gol con Dzemaili (palla deviata in angolo) dopo una bella azione avviata da Poli e Pulgar; al 16' bello spunto di Chiesa, scambio con Gil Dias e palla fuori non di molto. Al 20' è Benassi, da fuori, a impegnare Mirante. Al 23' è Donsah a fare un tiro cross pericoloso che, però, si perde sul fondo.

La Fiorentina non incanta, ma va comunque vicina al gol al 31': errore difensivo del Bologna, palla a Chiesa che indugia troppo e il suo tiro viene rimpallato.

La Fiorentina trova il vantaggio al 40' grazie a Veretout direttamente su calcio d'angolo: evidente la complicità di Mirante che è l'ultimo a toccare la palla: alla fine sarà autogol suo. Un angolo nato da una bella parata dello stesso Mirante su Gil Dias. Il Bologna reagisce e Destro impegna Sportiello, deviazione con l'aiuto del palo. Sul tiro dalla bandierina è incredibile la mancanza di un difensore viola sul primo palo e Pulgar ne approfitta: inutile il goffo tentativo di parata di Sportiello: è l'1-1.

Dopo l'assurda girandola di gol su calcio d'angolo nel primo tempo, la Fiorentina spreca con Gil Dias (lanciato a rete da Benassi) un'ottima occasione: il portoghese si fa fermare da Mirante in uscita. Nel complesso la ripresa vede un gioco lento da parte di entrambe le squadre con molti errori a centrocampo, ma sono i viola a provarci di più. Al 22' Pioli (già costretto a inizio ripresa a togliere l'infortunato Laurini per inserire Gaspar) toglie un evanescente Simeone per fare esordire in viola Falcinelli.

Poi il gioiello di Chiesa e una gara che si mette in discesa per una Fiorentina non brillante, ma almeno concreta e determinata. Il modo giusto per preparare la sfida alla Juventus (che intanto ne fa 7 al Sassuolo del neoacquisto Babacar) di venerdì 9 febbraio alle 20.45 al "Franchi".

Il tabellino

BOLOGNA (4-3-3):  Mirante,  Mbaye, Helander, De Maio, Masina;  Dzemaili, Pulgar, Poli (40' st Avenatti); Palacio, Destro (22' st Orsolini), Donsah (30' st Di Francesco). Allenatore: Donadoni

FIORENTINA (4-3-3): Sportiello; Laurini, Milenkovic, Astori, Biraghi; Benassi, Badelj, Veretout; Chiesa, Simeone (22' st Falcinelli), Gil Dias (34' st Vitor Hugo). Allenatore: Pioli

Arbitro: Doveri di Roma

Marcatori: Mirante (autogol) 40' pt; Pulgar 44' pt;  Chiesa, 26' st

Note: ammoniti Mbaye, Biraghi, Poli

Vivi  le emozioni della partita con la nostra diretta Twitter con hashtag #FiorentinaNazione a cura di Niccolò Casalsoli