Firenze, 4 novembre 2017 - Una targa in onore e in memoria di Amici miei di Mario Monicelli, è stata scoperta questo pomeriggio a Firenze, in uno dei luoghi simbolo del film dove si trovava il bar del Necchi.

La cerimonia si è svolta in concomitanza con un raduno dei fan della saga e in occasione dell'anniversario dell'Alluvione di Firenze del 1966 al centro di Amici miei Atto secondo. Le celebrazioni si sono svolte inoltre a due mesi dalla scomparsa di Gastone Moschin, l'architetto Melandri, l'ultimo degli attori principali dei film.

Presenti oggi alcuni rappresentanti istituzionali come il presidente del Consiglio regionale Eugenio Giani e l'assessore fiorentino Andrea Vannucci, insieme ad alcuni degli attori protagonisti del film come Enio Drovandi (il vigile nella scena del "signor Becchi" dopo la zingarata alla Torre di Pisa), Renato Cecchetto (Augusto Verdirame di Brescia), Tommaso Bianco (il fornaio "amico" del Perozzi), e Lucio Patanè (ovvero Lucianino, il figlio del sor Perozzi).

Il raduno dei fan si è svolto in alcuni luoghi simbolo della trilogia. Al Piazzale folla intorno alla Fiat 125 Special del Melandri.

Presentato anche "Il Conte Mascetti", la terza etichetta dedicata alla saga e a Ugo Tognazzi, realizzati dall'azienda Tognazza, dal figlio Gianmarco.