Firenze, 19 maggio 2017 - La Fiorentina sfida il Napoli al San Paolo (sabato 20 maggio ore 20.45) con l'obbligo di vincere per nutrire ancora speranze di un posto in Europa League, ma il pronostico appare chiuso anche per le assenze di Borja Valero e Astori (alla quale si è aggiunta quella di Sanchez, con Badelj ancora in forse). Il tecnico viola Paulo Sousa, però, è convinto che i gigliati possano dire la loro al San Paolo: «Il Napoli è una squadra molto forte, bella, ma quando ci ha affrontato ha provato qualche difficoltà: la Fiorentina ha dimostrato di essere una squadra scomoda per i partenopei». Sousa, dunque, crede ancora nella possibilità del sesto posto e dell'Europa: «Noi cerchiamo di lavorare come sempre, per vincere ogni partita, anche quella di domani. Se penso di schierare due punte? È una possibilità». 

Riguardo al fatto che Saponara sia stato poco utilizzato, Sousa risponde così: «Saponara per me è un giocatore molto più offensivo che un regista. E' sempre pronto, ma viene da un infortunio cronico che abbiamo dovuto gestire».

Sousa parla del collega Sarri, con parole di grande elogio: «E’ un allenatore che ha messo in campo un’idea di gioco di molta qualità. Ho passato diversi anni a giocare in un sistema di gioco  4-3-3, il modulo che porta avanti Sarri. Mi piace molto la sua dinamica. E poi ha molta stabilità nella sua proposta, durante i due anni. Quest’anno si sono migliorati, e lo faranno ancora l’anno prossimo».