Firenze, 3 aprile 2017 - E' Luigi Salvadori il nuovo presidente di Confindustria Firenze. Lo ha eletto l'assemblea dell'associazione, che si è riunita nella giornata di lunedì 3 aprile. Salvadori, imprenditore attivo nel campo dei dispositivi medici, avrà con sé cinque vicepresidenti: Lapo Baroncelli si occuperà di Smart city e Città Metropolitana; Enrico Bocci di Confindustria 4.0; Fabrizio Monsani di Attrazione Sviluppo d'impresa e Relazioni industriali e Welfare; Azzurra Morelli di internazionalizzazione; Stefano Gabrielli di turismo.

“Sento la responsabilità di chi deve rappresentare le donne e gli uomini che stanno tenendo in piedi la nostra economia fiorentina, cambiando volto alle fabbriche di oggi e progettando l’industria di domani - dice Salvadori -. Solo agendo insieme l’industria fiorentina saprà riprendersi quella centralità e quel ruolo civico che le appartiene; e questo sarà un vantaggio per noi e per il territorio, perché soltanto chi fa impresa sa trasformare i vincoli in opportunità; sa uscire da condizioni difficili con scelte vincenti”.

Lo slogan di Salvadori è "L'impresa al centro". “Non è uno slogan buono per durare lo spazio di un’assemblea - dice il nuovo eletto -. Rimettere al centro l’impresa è un programma di lavoro necessario – e non scontato! - per una Associazione che vuole tornare ad essere un partner di valore per tutte le aziende associate, grandi e piccole. Dovrà essere anche l’opzione strategica condivisa da un territorio metropolitano che non si rassegna a crescere a manciate di decimali e che sta invecchiando, con costi sociali che rischiano di diventare insostenibili. L’obiettivo è ambizioso, ma alternative non ne vediamo, perché gli ultimi nove anni di trincea hanno rimesso tutto in discussione: modelli di sviluppo, modelli sociali e sistema delle relazioni. Confindustria è un’associazione d’imprenditori; e gli imprenditori guardano avanti”.