Firenze, 9 ottobre 2017 - Quasi 7mila reati vengono commessi ogni giorno in Italia. Circa 284 ogni ora. Un dato in calo del 7,4% su base annua, che consolida le flessioni gia' registrate nei due anni precedenti. A dirlo sono i dati pubblicati oggi dal Sole 24 Ore e forniti dal dipartimento per la Pubblica sicurezza del ministero dell'Interno, riferiti ai delitti denunciati nel 2016. Il generale arretramento riguarda quasi tutte le tipologie di illeciti - scippi, borseggi, effrazioni - ad eccezione delle truffe e delle frodi informatiche (che crescono del 4,5%) e dei casi di usura (+9% le denunce a livello nazionale). In particolare spicca Milano, dove si registra la maggior incidenza di reati ogni 100mila abitanti (7.375 illeciti all'anno, che corrispondono a circa 650 al giorno). Solo sei province sulle 106 considerate evidenziano un incremento: contenuto entro l'1,2% a Bolzano, Crotone, La Spezia, Grosseto e Avellino; quello piu' marcato si rileva a Prato con un +5,5%, 5.965 denunce ogni 100mila abitanti. Il calo piu' marcato, invece, si registra a Ravenna, dove i reati rilevati sono scesi del 18% nell'ultimo anno, seguita da  Arezzo. Aumentano invece i borseggi a Firenze del (+14%)

Per combattere i furti in casa Lucca sta puntando sul “controllo di vicinato”, uno strumento fondato sulla collaborazione fra cittadini e forze dell’ordine. «A Lucca siamo stati i primi a partire con una convenzione con la prefettura già nel 2014», dice l’assessore alla sicurezza Francesco Raspini. 

I fenomeni in crescita  sono le truffe e le frodi informatiche. L’incremento delle truffe e frodi informatiche (con circa 151mila denunce nel 2016), va sicuramente letto in linea con la progressiva diffusione di internet. «Purtroppo - afferma Dino Bortolotto, presidente di Assoprovider - la crescita degli utenti online non va di pari passo con la cultura digitale: sempre più persone con poca dimestichezza si connettono alla Rete, dove proliferano siti web scritti senza rispettare l’evoluzione dei protocolli di sicurezza, quindi più vulnerabili». Tra le città dove questo fenomeno è piu' diffuso troviamo: La Spezia(+30%) e Siena (+24%)