Firenze, 12 febbraio 2018 -  «Per il controllo del territorio di Firenze da domani ci saranno 13 equipaggi in più delle Forze dell'ordine. Cinque di polizia, 5 dei carabinieri, 3 della guardia di finanza». Lo ha annunciato il ministro dell'Interno Marco Minniti poco prima della firma del patto per la città di Firenze con il sindaco Dario Nardella e il prefetto Alessio Giuffrida.

Minniti, ribadendo che questo rafforzamento sarà da domani, poi ha annunciato che «appena conclusi i corsi» delle Forze dell'ordine, «ci sarà un ulteriore rafforzamento degli organici di tutte le Forze dell'ordine, e sarà un rafforzamento significativo». Il ministro ha quindi ricordato come il patto di Firenze riguarda la sicurezza dei cittadini, «dei commercianti, delle periferie e dei turisti. Un patto che affronta queste tematiche in modo non emergenziale, immediato ma coniugando presente - ha concluso - e futuro».

IL SINDACO NARDELLA -  "Noi abbiamo agenti che lavorano h24 su tutto il territorio, i criminali vengono trovati e arrestati. Molto spesso però vengono immediatamente rilasciati. Allora qui c'è un tema di certezza della pena e applicazione delle misure cautelari. Abbiamo bisogno di norme più incisive su questo. Da sindaco mi aspetto che il prossimo Parlamento su questo intervenga immediatamente". Lo ha detto il sindaco di Firenze Dario Nardella a margine della firma del Patto per la sicurezza a Firenze. "Chi sbaglia paga, ma se questo principio viene meno, si perde quel senso di fiducia che c'è tra cittadini, istituzioni e forze dell'ordine - ha aggiunto -. E visto che qui, come abbiamo dimostrato con il Patto per la sicurezza, le forze dell'ordine ci sono, e visto che c'è una collaborazione vera tra ministro dell'Interno e sindaci, allora abbiamo bisogno di una cornice normativa che tranquillizzi davvero i cittadini. Chi ha commesso un errore deve pagare, ma deve pagare davvero".