Firenze, 12 gennaio 2018 - «Finalmente abbiamo allocato delle risorse, abbiamo messo dei soldi dove devono andare secondo noi: se qualcuno con diverso colore vorrà cambiare i progetti infrastrutturali, dovrà spiegare perché, dovrà spiegarlo ai toscani, dovrà spiegarlo agli elettori, dovrà spiegarlo agli altri cittadini delle altre regioni d'Italia».

Lo ha affermato Luca Lotti, ministro e segretario del Cipe, che ha partecipato a un incontro a Firenze dove si è fatto il punto sugli investimenti infrastrutturali in Toscana. Incontro al quale hanno partecipato anche l'assessore regionale alle Infrastrutture Vincenzo Ceccarelli e il viceministro dei Trasporti Riccardo Nencini. «Per la prima volta nella storia del nostro Paese - ha detto Lotti - le risorse che solitamente tornavano in Europa e che non venivano spese, oggi hanno una determinazione certa, hanno dei capitoli di spesa, quindi a chi ci racconterà che sono frottole, rispondiamo 'No, andate a vederè, i soldi ci sono nei capitoli e nel posto giusto, e possono finalmente essere spesi. Anzi, diventa un'occasione per far si che le amministrazioni locali ora possano correre, e si possa arrivare finalmente ai cantieri e poi definitivamente alla fine dei lavori».

Il ministro Lotti ha poi partecipato a un sopralluogo ai lavori per la realizzazione della strada di collegamento tra lo svincolo Empoli centro della Fi-Pi-Li e la zona artigianale di Carraia

"È un’opera che i cittadini attendevano da molto tempo - dice Lotti - e che rappresenta una risorsa strategica per risolvere i pressanti problemi di traffico e viabilità locali. Il cantiere ha un valore di oltre 5 milioni di euro, finanziati interamente dal Cipe (il Comitato interministeriale per la programmazione economica); e da segretario del Cipe sono davvero orgoglioso di questo intervento".