Firernze, 29 luglio 2017 - Si è conclusa intorno alle 2 del mattino la serata di caos alla alla stazione di Santa Maria Novella, dove il treno Italo 9989 diretto a Napoli (che doveva partire alle 21.23) è rimasto bloccato al binario 12 per ore. Dopo che un uomo, dando in escandescenze, aveva annunciato la presenza di una bomba a bordo hanno dato esito negativo le verifiche, condotte da polizia e carabinieri anche con l'ausilio di cani antiesplosivo. Sul posto anche vigili del fuoco e personale sanitario con diverse ambulanze.  Intanto, i passeggeri avevano potuto proseguire il viaggio per Napoli su un altro treno.

A lanciare il falso allarme era stato un uomo, un 34enne albanese, salito a Bologna che ha cominciato a infastidire gli altri passeggeri sin dall'inizio arrivando fino allo scontro fisico. L'uomo è stato arrestato.

"Tanto non arriverete vivi a destinazione, ho messo una bomba sul treno": è questa la frase che ha fatto scattare la lunga e accurata operazione di bonifica conclusasi con esito negativo.

L'uomo era stato sorpreso senza biglietto e per questo aveva dato in escandescenze, infrangendo anche uno dei finestrini con un martelletto di emergenza e ferendosi così alle mani. Non contento aveva cominciato a frugare tra i bagagli dei viaggiatori impauriti e non ha esitato, una volta sul posto gli agenti di polizia, a estrarre di tasca della cocaina tentando poi di assumerla. Gli agenti hanno tentato di bloccare l'uomo e ne è nato un parapiglia nel quale due poliziotti sono rimasti contusi. È stato a questo punto che l'uomo ha annunciato la presenza di un ordigno: i 360 passeggeri sono stati fatti scendere dal convoglio ed è cominciata la verifica a bordo con l'impiego degli artificieri e delle unità cinofile dei carabinieri.