Firenze, 12 febbraio 2018 -  Artificieri e cani antiesplosivo sono intervenuti in via Gaspare Spontini a Firenze, dove nei pressi della scuola elementare e materna 'Rossini' è stato rinvenuto un contenitore trasparente sospetto. La scuola è stata evacuata per precauzione. Sul posto sono intervenuti i carabinieri.

Il contenitore sospetto non era altro che  una scatola per vestiti o per custodire giocattoli, contenente materiale tra cui sembrerebbero esserci dei fili. Ma per verificarne con esattezza il contenuto e capire di cosa si tratti - se una scatola semplicemente abbandonata, un gesti dimostrativo o altro - si è atteso l'intervento degli artificieri. Gli alunni della 'Rossini' sono stati fatti uscire da un ingresso secondario dell'istituto.

La scatola sospetta non conteneva materiale esplodente né inneschi ma i carabinieri ritengono che possa essersi trattato di un atto a scopo dimostrativo. È quanto è stato riferito dopo che gli artificieri, che hanno fatto brillare il contenitore, hanno accertato che si è trattato di un falso allarme.

La scatola, un contenitore di plastica trasparente col coperchio, era stata rinvenuta sul marciapiede, appoggiata alla grata di una cantina dello stabile che ospita la scuola materna ed elementare Rossini. Non era direttamente visibile dalla strada perché coperto da alcuni cassonetti dei rifiuti. All'interno si vedevano tre cilindri che potevano far pensare a candelotti, alcuni fili, una lampadina e altro materiale sovrapposto e separato da piani di cartone o compensato.

L'allarme è scattato in seguito a una telefonata arrivata al 112: a farla sembra un passante. In attesa dell'intervento degli artificieri, a scopo precauzionale la scuola è stata evacuata ed è stata anche chiusa via Spontini. Rientrato l'allarme gli alunni sono tornati  classe e la strada è stata riaperta.